SENZA

Iomega

Ecco il test di Iomega Home Media Network Hard Drive

Come portare in cloud tutti i contenuti multimediali, i propri file e il backup per accedervi da qualsiasi pc, condividere musica, foto e film con gli amici, anche quando si è lontani da casa

Il di Stefano Belviolandi 2

Iomega Home Media Network Hard Drive è un disco fisso di rete, disponibile con tre capacità diverse (1, 2 Terabyte e 500 Gbyte). Funziona con una CPU Dual Core a 600 Mhz e 256 MB di RAM è dotato di una porta Ethernet RJ45 10/100/1000 Mbps (GbE), 2 porte USB 2.0 (per collegamento di unità disco rigido esterne e stampanti). Iomega Home Media Network Hard Drive vive con integrato un Media Server certificato Dlna e un server iTunes. In pratica significa che utilizzarlo solo per l’archiviazione dei file è un po’ come sfruttarlo a metà, perché con la funzionalità Iomega Personal Cloud tutti gli utenti, con cui si desidera condividere determinati privilegi di accesso, potranno leggere e scrivere file. Non solo, è possibile anche attivare delle liste di distribuzione per cui ogni volta che caricate un file viene notificata via email alla vostra lista la disponibilità di nuovi contenuti.

Se partiamo dalle funzioni di backup è interessante sia la possibilità di uso come unità Time Machine con i Mac (anche Linux, oltre ovviamente a Windows, sono supportati), oppure a sua volta per replicare i contenuti immagazzinati, automaticamente, su una cloud pubblica sfruttando i servizi offerti da terze parti come Mozy (di EMC e sotto il controllo VMware) e Amazon S3. Se invece ci si limita all’accesso remoto anche questa procedura è guidata, bisogna avere solo l’accortezza di ubilitare UPnP sul router ed eventualmente aprire le porte supplementari necessarie.

Completano le funzionalità di questo disco di rete il pulsante per la copia veloce dei file da e per le chiavette USB e infine la possibilità di utilizzarlo per portare in rete altre periferiche come per esempio la propria stampante, se non è dotata di connettore Ethernet. Gli amanti dell’attività sui social network, infine, possono avere una cartella dedicata su cui salvare i propri file che verranno caricati sul profilo di Facebook, Youtube e Flickr. Non importa se Iomega Home Media Network Hard Drive è utilizzato da più utenti, perché per ogni profilo è possibile creare una cartella differente. Ultimo, ma non per questo poco interessante, sappiate che sarà persino possibile caricare contenuti su Iomega Home Media Network Hard Drive anche dall’iPhone o dall’iPad e da Android. Iomega ha orientativamente indicato la disponibilità dell’applicazione per il primo trimestre del 2011, al momento non l’abbiamo trovata su AppStore.

La destinazione d’uso di Iomega Home Media Network Hard Drive è chiara. Nasce per soddisfare esigenze sempre più diffuse in ambito consumer, magari richieste da un pubblico già familiare con la tecnologia, ma non certo professionale, se non forse nella piccola azienda.
Questo per la facilità di approccio certo alle diverse funzioni, ma anche per come si presenta la soluzione che non offre molto margine di manovra per la gestione dei dischi e la loro sostituzione, proponendosi con i punti di forza (e i limiti) delle soluzioni “As Is”. Iomega Home Media Network Hard Drive costa tra 129 e 179 euro a seconda della capienza del disco.

Esperienza d’uso
Il primo passaggio per iniziare a utilizzare un hard disk di rete è collegarlo al pc e indentificarlo sulla rete. Nel caso di Iomega Home Media Network Hard Drive è invece fondamentale, ancora prima dell’acquisto, verificare il livello di compatibilità con il vostro sistema operativo. A questa pagina potete e dovete scoprire, prima,  se il modello Iomega Home Media Network Hard Drive in vostro possesso potrà essere usato con Windows 7 a 32 e 64 bit, a seconda del numero di serie. I numeri di serie perfettamente compatibili con Windows 7 anche a 64 bit cominciano con le lettere e i numeri T4, T5, e XN, utilizzando il software Home Storage Manager dalla versione 2.0.1.6 in poi, ma state in guarda dalle unità Home Network Hard Drives i cui numeri di serie cominciano con KU, KV, and KW che non sono compatibili. Quindi prima di pagare, chiedete al negoziante di mostrarvi il vostro disco di rete multimediale in negozio! Considerata la diffusione dei sistemi Windows 7 speriamo in un veloce riallineamento nella compatibilità dell’offerta.

Ecco l’interfaccia software per la gestione del vostro sistema di storage e condivisione con funzionalità Cloud

Una volta collegato il vostro hard drive al router tutto diventa più semplice. Dovete installare il software presente sul CD incluso nella confezione (verificatene la presenza) e riavviare il computer per fare in modo che venga riconosciuta l’unità, potete altrimenti gestirla direttamente via Web una volta individuato l’indirizzo. Sul sito la versione di Home Storage Manager richiesta secondo i requisiti di cui sopra non l’abbiamo trovata, e così ci siamo rassegnati a scaricare quella che c’era e a utilizzare l’interfaccia Web raggiungibile direttamente tramite l’indirizzo IP individuato con il router. La documentazione è certamente da migliorare, anche per alcune imprecisioni. Questo non è un problema solo di Iomega: i vendor – senza esclusioni – spesso rilasciano prodotti immaturi e poi spetta all’utente aggiornare firmware e software, perdendo del tempo per farli funzionare al massimo delle loro possibilità.

La versione del software v1.1.0.36768 ha dimostrato comunque di funzionare anche con il nostro Windows 7 a 64 bit, sul nostro desktop CDC che usiamo di consueto per le prove. Iomega Storage Manager assegna alle cartelle già costituite sul disco (BackUp, Documents, Movies, Music, Pictures, TimeMachine) una lettera di Drive che potete utilizzare così come sono e quindi poi dal vostro Esplora Risorse le potrete individuare come tanti dischi di rete collegati.

Iomega Home Network Hard Drive e la Cartelle Attive in condivisione

Da qui, dal software proprio, potete inoltre iniziare a creare e gestire la vostra Cloud, e finalmente sfruttare a fondo il vostro Iomega Home Media Network Hard Drive. I piccoli problemi prima dell’utilizzo, sono proprio finiti. Il software preinstallato a bordo di Iomega Home Media Network Hard Drive funziona molto bene ed è molto chiaro. Potete anche impostare una home page di benvenuto, a vostro piacere, con le presentazioni basate sui file multimediali precaricati, tenete presente che la colonna di sinistra è impostata per dare accesso rapido a funzionalità che potete trovare anche sotto altre icone della colonna stessa. Si tratta in pratica di un menu concettuale, impostato a seconda del compito da portare a termine.
Da qui potete piacevolmente scoprire in modalità di condivisione e Share la possibilità di abilitare Cartelle attive in questo modo si avvia una funzionalità specifica che si attiverà automaticamente quando i file vengono copiati nella share. Peccato che sia possibile impostare solo un’opzione Cartella attiva, per ogni Share.

I contenuti di Channelbiz.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

ITWEB.TV

Commenti




2 replies to Ecco il test di Iomega Home Media Network Hard Drive

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>