SPECIALI

banda larga, digital divide

Fondi sbloccati per la banda larga

Dopo anni di richieste e sollecitazioni potrebbe trovare posto, nel maxi emendamento governativo, un capitolo sulla banda larga, anzi ultra larga. E’ la fine del digital divide?

La banda ultra larga e la lotta al Digital Divide potrebbero entrare nel maxi-emendamento del governo. Dopo anni di promesse, puntualmente smentite, e repentine marce indietro, si recepisce che i punti salienti dell’Agenda Digitale sono priorità. Ecco i consigli per rendere l’Italia Digitale, superare i ritardi cronici e tornare a crescere e a creare occupazione. Perché l’economia digitale già oggi vale 700 mila posti di lavoro solo in Italia

Il Digital Advisory Group (Dag), composto da una trentina di realtà pubbliche e private, ha redatto una ricerca in collaborazione con McKinsey, in cui sprona l’Italia non solo a investire nella banda ultra larga, adottare un’Agenda Digitale, ma anche sfruttare le opportunità di Internet e del Web per crescere. E-commerce, Voip, servizi bancari e finanziari online, social media (blog, forun e social network) negli ultimi 3 lustri hanno creato 700 mila posti di lavoro in Italia. Considerati i prodotti “distrutti” dal digitale, si tratta di 320 mila posti creati. Oggi il Fattore Internet vale il 2% del Pil per 30 miliardi di euro.

Ma, con banda ultralarga, un’Agenda Digitale e una seria politica economica per l’innovazione, l’Italia potrebbe crescere di più. Il Fattore Internet in Francia vale il 3%, e addirittura il 5% in Gran Bretagna e Svezia. Quindi anche l’econonmia digitale potrebbe rappresentare il 4% del Pil italiano, se voltasse pagina, sfruttasse le opportunità per colmare il gap con il resto d’Europa.

Nel periodo 2005-2009 la Web economy ha contribuito per il 14% alla crescita del PIL, con un tasso di incremento a doppia cifra , e dieci volte superiore al ritmo di crescita nazionale. L’impatto indiretto dell’economia digitale genera altri 20 miliardi di euro (per acquisti nel canale tradizionale dopo la consultazione onine e su blog).

Anche le PMI, spina dorsale dell’economia italiana, hanno beneficiato del Fattore Internet. Le imprese con una vetrina online hanno registrato una crescita media annua del 10% e soprattutto hanno aumentato l’export.

L’e-commerce italiano rappresenta solo lo 0,7% del Pil (contro l’1 % francese e il 3 % britannico), ma sta crescendo a doppia cifra. Nel 2010 il ritmo di crescita è stato del 15% assestandosi su 6,65 miliardi di euro e a fine 2011, l’e-commerce italiano vedrà un’accelerazione che lo porterà a crescere del 20% rispetto all’anno scorso con 8 miliardi di euro di giro d’affari (E-commerce Consumer Behaviour Report 2011 dell’Osservatorio B2C Netcomm – School of management del Politecnico di Milano).

Altro storico ritardo italiano è l’utilizzo della PA online: i cittadini che usano i servizi di e-government, in Italia lsi fermano a quota 20 (stima della Commissione europea), contro il 50 e 60% dei paesi nordici.

Ma si può fare di più: aumentare l’accesso alla banda larga e ultra larga, spingere gli italiani verso l’e-commerce, colmare i ritardi nella PA Digitale (illustrando meglio i servizi online della pubblica amministrazione), superare lo skill-shortage migliorando formazione e competenze digitali, superare colli di bottiglia e lacune normative.

Da uno studio di Ericsson emerge che raddoppiare la velocità di connessione a banda larga genera un aumento del PIL dello 0,3%. L’incremento dello 0,3% nella crescita del PIL equivale a 126 miliardi di dollari, pari a un settimo del tasso della crescita media annuale dell’OCSE negli ultimi dieci anni. Il raddoppio ulteriore della velocità moltiplica l’effetto economico: per esempio quadruplicare la velocità di connessione produrrebbe una crescita del PIL pari allo 0,6%.

Il maxi-emendamentodi domani può essere il trampolino di lancio, per voltare finalmente pagina.

Economia Digitale
L’Italia Digitale e il Fattore Internet

I contenuti di Channelbiz.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

ITWEB.TV

Whitepaper

Commenti




One reply to Fondi sbloccati per la banda larga

  • Il 8 November 2011 alle 19:18 di Marco

    Non ci credo finché non lo vedo.
    Per ora le aziende serie di telecomunicazioni sono andate avanti solo grazie ai loro fondi, come chi usa l’Hiperlan.
    http://www.adslwireless.biz

Leave a Reply

  • Required fields are marked *,
    Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>