25 marzo: sugli scaffali Nintendo 3DS e iPad 2

News

Oggi è il giorno del debutto di due attese novità: la seconda versione del media tablet di Apple (iPad 2) e la console portatile 3D senza occhialini (Nintendo 3DS).

Dal 25 marzo è a scaffale anche in Italia iPad 2, la seconda versione del media tablet di Apple. Negli Usa sono stati venduti oltre 600 mila unità di iPad 2, il nuovo tablet con processore Apple A5 dual-core, più sottile del 33% ( a 8.8 mm) e dotato di videocamera per le video-chat FaceTime fra prodotti Apple.  In attesa di conoscere i prezzi dei gestori che offrono micro Sim (3 Italia, Vodafone e Tim) per iPad 2, Apple ha reso noto i prezzi in euro di Apple iPad 2: il modello solo Wi-Fi sarà disponibile da 479 a 679 euro, nei modelli da 16 a 64 GB rispettivamente. La versione con WiFi più connettività 3G: costerà da 599 e 799 euro, a seconda dello storage.

Ma sugli scaffali oggi arriva in Italia anche il 3D senza occhialini sulla prima console portatile: Nintendo 3DS. Il semaforo verde dell’associazione  degli optometristi statunitensi ha tolto ogni dubbio: il 3D senza occhialini di Nintendo 3DS non solo non fa male alla vista, ma può anche aiutare a scoprire eventuali piccoli problemi (come l'”occhio pigro”, ambliopia eccetera) fin dalla prima infanzia. Dunque i genitori che stanno per mettersi in coda per acquistare Nintendo 3DS, useranno il buon senso, e non dovranno preoccuparsi per la prolungata esposizione a immagini 3D stereoscopiche.

Nintendo 3DS ha circa le stesse dimensioni del vecchio DS, ma è equipaggiata con due fotocamere esterne, per catturare le immagini stereoscopiche in 3D e una interna per la videochat. Il 3D senza occhialini è la caratteristica di punta: i display non hanno risoluzioni da brivido (840×240 pixel quello in 3D e 320×240 il secondario) ma sono sufficiente per divertirsi. La visione 3D permette anche un controllo manuale per regolare la profondità dell’effetto stereoscopico e quindi si può sempre decidere di disabilitarlo.

Un altro punto di forza è la possibilità di giocare con la “realtà aumentata“. Scrive Gizmodo.it: “Basta appoggiare, su un piano, una carta (in dotazione) per avviare i giochi in realtà aumentata. In pratica è come se si vedesse un’ambientazione 3D generata dal display orientato a circa 30-35 cm di distanza dalla carta stessa (indipendentemente dall’angolazione) e inserita nel vostro contesto reale, che richiede pertanto la vostra interazione. Noi abbiamo provato il gioco del tiro a segno e a uccidere un drago”.

GUARDA: VIDEO Nintendo 3DS, prime impressioni

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore