Acer “riaggiusterà” le strategie

Strategie

Dopo le dimissioni immediate di Gianfranco Lanci da Ceo di Acer, la società prende tempo per “un riaggiustamento” delle strategie che non impatteranno sulle relazioni strategiche con i partner

Il torinese, salito ai vertici di Acer nel 1997, ha rassegnato oggi le dimissioni da Ceo dell’azienda. In modo irrevocabile e a sorpresa. Così Gianfranco Lanci (Ceo dal 2008) è uscito di scena, con decorrenza immediata. Una decisione presa al termine di una riunione in cui sono emerse divergenze sulle visioni future del gruppo e dopo una settimana che ha visto Acer perdere il 17% in Borsa, a fronte di dati di vendita trimestrali peggiori delle attese.
Lascia l’azienda nelle mani di J.T. Wang, che ricoprirà ad interim il ruolo di CEO e Presidente, mentre la carica di Acer EMEA President passa a Walter Deppeler.

Gianfranco Lanci si è dimesso dalla carica di Ceo di Acer, incarico che ricopriva dal 2008

Crisi economica, spostamento dell’offerta su prodotti più economici, focus debole sul mercato dei dispositivi mobili, fatica nell’affrontare il mercato dei server…. Tutte componenti che possono avere minato una relazione che sembrava idilliaca da 14 anni.

Nel comunicato che ufficializza le dimissioni di Lanci, Acer ribadisce che continuerà a spingere sulla internazionalizzazione dell’azienda, confermando il modello di business multibrand e le relazioni strategiche con i partner, sulle quali Lanci aveva lavorato tenacemente negli anni del suo mandato.

I veritici di Acer hanno sottolineato che “il pc rimarrà al centro delle attività” pur guardando con interesse “il mercato dei dispositi mobili, nel quale investiremo cautamente per diventare uno dei player principali“. Ma tutto ciò richiederà un “riaggiustamento” delle strategie, richiederà tempo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore