Agolli (Informatica): senza partner nessun obiettivo per il 2012

News

Fredi Agolli, country manager Informatica Italia, annuncia il raddoppio del budget marketing per i partner nel 2012, budget necessario al raggiungimento congiunto degli obiettivi

Raddoppio del budget marketing per i partner, gestione del dato a livello enterprise con i partner e investimenti presso prospect e clienti o direttamente per generare lead o per effettuare campagne congiunte con i partner. Sono queste alcune delle novità che Informatica metterà in campo per il prossimo anno e illustrate, ai margini della seconda edizione di Informatica partner event da Fredi Agolli, country manager di Informatica Italia. Raddoppia il budget marketing per i partner – spiega Agolli – e raddoppia perché siamo arrivati a un punto in cui non riusciremmo a raggiungere i nostri obiettivi se non sfruttassimo l’ecosistema dei partner. Ci aspettiamo che gli stessi attuali partner, o qualcuno che si aggiungerà, possano raddoppiare i lead e seguano attentamente quelli generati”.

Attualmente, “stiamo lavorando con i partner internazionali, con i quali c’è accordo mondiale, di questi due o tre sono significativi per indirizzare, con approccio strategico, e sfruttare l’offerta di informatica a tutto tondo e, in parallelo, l’ecosistema dei partner che hanno geopresenza localizzata ed esperienza verticale e con loro, in funzione della tipologia aziendale, sviluppiamo programmi specifici fatti di training, certificazione garantita da nostra struttura”.

Tra i principali partner Agolli ricorda Primeur, Crisma, Giano solutions e Ict, e altri partner che operano in verticale o territorialmente. “Con questi partner – spiega Agolli – abbiamo fatto molto nel 2011 e in seguito vorremmo fare di più, in funzione anche del budget raddoppiato”, afferma il country manager Italia.

Agolli spiega come i due settori, su cui aveva centrato l’attenzione lo scorso anno, siano sempre al centro dell’attenzione e siano stati arricchiti. “E’ stato fatto un lavoro positivo sia dalla forza diretta sia dall’ecosistema dei partner sul Master data management e l’Information lifecycle management”, spiega e annuncia che iniziano a esserci i primi prospect derivanti da collaborazione esclusiva con i partner sull’Information lifecycle management. “Sarà accentuato il ruolo dei dati sensibili e riservati con un attenzione allo sviluppo software testato su basi dati coerenti con le soluzioni. Si pensi a quanto possano essere onerosi e quanto tempo debba servire per replicare totalmente i dati di produzione e quelli sensibili”, spiega.

Informatica ha sviluppato un sistema tale percui anziché copiare l’intera base dati, si copi solo un sottoinsieme coerente per fare i test e contestualmente si mascherino i dati sensibili”, spiega Agolli.

Infine, Informatica, nel suo modulo di qualità del dato, va a indirizzare tutte le direttive europee della solvency II, gestendo la qualità e i meccanismi di calcolo del rischio “ e qui ci aspettiamo la collaborazione con i partner che seguono le compagnie assicurative”, conclude Agolli.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore