Amd, la spinta verso i provider di web hosting

Strategie
Roberto Campice, Amd, Smau Roma 2012

Videointervista – La problematica fondamentale per i web hosting e i fornitori di soluzioni infrastrutturali per gli ambienti cloud è la necessità di realizzare infrastrutture ad aggregazione multipla di server efficienti e decisamente aggressive per le logiche d’acquisito. Ne parliamo con Roberto Campice, business development manager di Amd italia

Se le aziende sembrano capire i benefici dell’adozione del cloud, i tempi per la migrazione sono più lenti. Un ritardo dovuto in parte anche ai ritardi dei provider di web hosting. Ne parliamo con Roberto Campice, business development manager di Amd italia. “La problematica fondamentale per i web hosting e per i fornitori di soluzioni infrastrutturali per gli  ambienti  cloud  è la fortissima necessità di realizzare infrastrutture ad aggregazione multipla di server che siano particolarmente efficienti e decisamente aggressive per le logiche d’acquisito,  dal momento che si parla di numeri di server particolarmente importanti”.

Ma la vera questione per Campice è capire quanto i clienti siano davvero pronti per il cloud.“Stiamo notando una importante accelerazione nella valutazione, ma una serie di problematiche devono essere ancora analizzate, a partire dalle problematiche relative alla sicurezza dei dati, perché il cloud non rappresenta una barriere tecnologica, ma più mentale e organizzativa”.

Nella videointervista i dettagli anche sul recente annuncio della nuova famiglia di processori Opteron 3200, che snellisce i costi di approviginamento per i provider di web hosting, nella direzione di smuovere le retrosie economiche verso l’adozione delle infrastrutture necessarie a promuovere il cloud.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore