Antitrust, risparmi di 180 euro possibili sui costi dei conti correnti

Strategie
Antitrust

A chiusura dell’indagine conoscitiva sui costi dei conti correnti bancari, per l’Antitrust, vi sono ostacoli che impediscono una riduzione dei prezzi. Secondo determinate procedure sarebbero possibili risparmi epr per 180 euro

I costi dei conti correnti sono ancora troppo elevati. L’Antitrust, secondo cui sono possibili risparmi fino a 180 euro, lo annuncia a chiusura dell’indagine conoscitiva sui costi dei conti correnti bancari. Per l’autorità, vi sono ostacoli che impediscono una riduzione dei prezzi.

Secondo l’Antitrust negli ultimi anni si è assistito ad alcuni cambiamenti nelle politiche adottate dagli operatori e, sotto alcuni profili, ad una evoluzione anche più competitiva del settore: si è infatti assistito a modifiche della struttura di mercato e del contesto concorrenziale (numerose le operazioni di concentrazione che hanno coinvolto diversi istituti di credito) e hanno inoltre prodotto i loro effetti le riforme della normativa secondaria in materia di trasparenza ed informativa sui servizi bancari. Pubblica Amministrazione Soldi

L’entità di risparmio ottenibile passando da un conto all’altro dimostra però che ci sono ancora spazi per ridurre i costi dei conti correnti. Si tratta tuttavia di spazi che i risparmiatori non riescono a sfruttare, perché privi delle informazioni necessarie che vanno invece rese disponibili da parte delle banche, anche introducendo vincoli normativi e regolatori. Occorre intervenire, secondo l’Antitrust, anche sulle lentezze nella chiusura di un conto per aprirne un altro: per quanto i tempi si siano ridotti, è sufficiente avere una carta di credito o la Viacard per vederli dilatare anche fino a 37 giorni. Vanno infine scissi i legami tra conti correnti e altri prodotti.

Dall’indagine, avviata nel marzo del 2011 per verificare l’evoluzione dei costi dei conti correnti rispetto al 2007, anno della precedente indagine in materia, emergono prezzi in calo solo per talune tipologie di correntista e per determinati periodi. Il campione dell’indagine è costituito da 52 banche e oltre 14.500 sportelli, con una rappresentatività pari al 44% in termini di sportelli. I costi sono stati misurati su sei diversi profili di correntista attraverso l’indice sintetico di costo, strumento informativo che rende agevole e immediato per i consumatori effettuare la comparazione del prezzo per la tenuta di conti correnti differenti.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore