Apple, bene il fatturato ma gli iPhone difettosi pongono interrogativi

Strategie
apple, iphone, risultati, economia, fatturato@shutterstock

Apple chiude il secondo trimestre dell’anno fiscale con un aumento di fatturato e un decremento dell’utile. Ma otto milioni di iPhone difettosi ritornati alla Foxconn fanno pensare, anche se Apple afferma che le scorte non sono a rischio

Apple chiude il secondo trimestre del suo anno fiscale con un aumento di fatturato ma non di profitto.

Se il fatturato del secondo trimestre dell’anno fiscale 2013, conclusosi il 30 marzo 2013 è stato pari a 43,6 miliardi di dollari contro i 39,2 dello stesso periodo dell’anno fiscale precedente, l’utile netto trimestrale di 9,5 miliardi di dollari sceso del 18% rispetto agli 11,6 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno fiscale scorso.

Secondo TMNews, per risollevarsi in Borsa, Apple ha annunciato un aumento del 15% del dividendo, raggiungendo un totale di 11 miliardi di dollari l’anno. Ma non è tutto, perché ha anche promesso che alzerà il piano di riacquisto titoli (buyback) da 10 a 60 miliardi di dollari. In tutto l’azienda metterà sul piatto 100 miliardi per “premiare” i soci entro la fine del 2015.

apple, iphone, risultati, economia, fatturato@shutterstock
Apple

L’azienda nata dal genio di Steve Jobs ha venduto 37,4 milioni di iPhone, in aumento del 6,6%, e 19,5 milioni di iPad, cresciuti del 65%. Ma in Borsa il titolo dai massimi di settembre 2012 ha perso il 40%, tanto che negli ultimi giorni si vociferava di una possibile sostituzione dell’amministratore delegato Tim Cook.

Tim Cook, Apple
Tim Cook 

Il titolo nel dopo mercato ha festeggiato la trimestrale guadagnando terreno, ma poi ha ceduto lo 0,5% dopo una conference call nella quale i vertici avrebbero discusso di margini di crescita inferiori rispetto a quanto annunciato.
Apple ha venduto 37,4 milioni di iPhone durante il trimestre, rispetto ai 35,1 milioni dello stesso trimestre di un anno fa e 19,5 milioni di iPad durante il trimestre, rispetto agli 11,8 milioni dello stesso trimestre dell’anno scorso. L’Azienda ha venduto poco meno di 4 milioni di Mac durante il trimestre, rispetto ai 4 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso.

Siamo lieti di annunciare un fatturato record per il trimestre di marzo grazie alla continua forte performance di iPhone e iPad” ha affermato Tim Cook, CEO di Apple. “I nostri team sono al lavoro su nuovi hardware, software e servizi, e siamo molto entusiasti dei prodotti nella nostra pipeline.”

Ma su Apple, in queste ore, piovono altre ombre. Secondo due testate cinesi, China Business e China Times, secondo quanto riporta l’Agi, oltre 8 milioni di iPhone difettosi sono stati rispediti lo scorso mese alla fabbrica cinese Foxconn che si occupa dell’assemblaggio. Il rapporto delle due testate non specifica quali siano i modelli in questione e nemmeno quale sia stato il problema, mentre dalla Apple fanno sapere che le scorte non sono a rischio. Non passano inosservate le perdite economiche che per la Foxconn dovrebbero ammontare a circa 259 milioni di dollari, 32 dollari per ogni smartphone “richiamato”.

Non e’ la prima volta che si verificano incidenti simili, un problema che con tutta probabilita’ e’ legato soprattutto ai veloci ritmi di produzione e di lancio. Gli stessi dirigenti dell’azienda taiwanese, che assembla anche prodotti per Hp e Dell, hanno ammesso che l’iPhone e’ “il dispositivo piu’ complesso che la Foxconn abbia mai assemblato”. Non solo: l’incremento degli standard per il controllo della qualita’ hanno rallentato la produzione con un abbassamento dei risultati in termine numerici.

QUIZ – Quanto conosci Apple?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore