Apple iPad a scaffale dal 3 aprile. Recensioni entusiaste

News

Prime recensioni promuovono l’iPad di Apple sia per la facilità d’uso sia per la durata delle batterie. Intanto domani il debutto negli Stati Uniti

Le prime recensioni promuovono a pieni voti l’iPad di Apple per la sua facilità d’uso e per la buona durata delle batterie, anche se ancora il nuovo arrivato non è considerato in grado di far dire addio ai vecchi laptop.

Secondo gli esperti del New York Times e del Wall Street Journal, il tablet pc, in vendita a partire da sabato 3 Aprile negli Stati Uniti, funziona bene per la navigazione on line e per la fruizione di contenuti come i video e i libri, ma può essere meno adatto per chi usa il pc per compiti più complessi.

Secondo Reuters, Walt Mossberg, del WSJ, ha dichiarato apertamente la sua preferenza per il lettore Apple al principale concorrente, il Kindle della Amazon, mentre il suo collega del NYT, David Pogue, ha ritenuto il peso dell’iPad di circa 700 grammi eccessivo per una comoda lettura se paragonato ai 300 grammi circa del Kindle.

Pogue ha anche lamentato che “non puoi leggere con la luce diretta del sole” e “non puoi leggere i libri che compri sul bookstore di Apple su nessun’altro apparecchio, neanche su un Mac o su un iPhone”. Entrambi gli esperti si sono detti impressionati della durata delle batterie dell’iPad, che ha raggiunto per entrambi tra le 11 e le 12 ore di uso continuo: anche più della già sorprendente durata di 10 ore annunciata dalla Apple.

Di contro, secondo le recensioni, l’apparecchio potrà rimpiazzare un laptop solo per quei pochi che utilizzano il pc solo per mandare mail, guardare foto, video (anche in Flash), libri, periodici e ascoltare musica. Per Mossberg ci sono alcune “fastidiose limitazioni“, “per esempio, il programma per le mail non permette di creare cartelle locali o regole per auto-classificare le mail, e non permette di inviare messaggi a gruppi. Il browser per internet non supporta le tabelle. E la versione per il solo Wi-Fi non funziona con il GPS“.

La questione è dunque per entrambi quanti utenti saranno disposti a portarsi dietro un altro apparecchio oltre al pc e al telefono: “se le persone considerano l’iPad principalmente come un apparecchio in più da portarsi in giro, avrà per forza un appeal limitato” ha spiegato Mossberg. In compenso entrambi hanno ammirato la facilità d’uso dell’iPad.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore