Apple sigla un accordo con Ibm per lo sviluppo business di iPhone e iPad

News
Ginni Rometty (Ibm) e Tim Cook (Apple)

Gli sviluppatori di Apple e Ibm hanno intenzione di sviluppare più di cento applicazioni specifiche e di settore di business specifiche per iPhone e iPad che saranno eseguite sulla piattaforma iOS di Apple

Apple ha siglato una partnership con Ibm con l’obiettivo di allargare la platea degli utilizzatori di iPhone e iPad anche al mondo business.

L’accordo ha portata storica perché tra le due società non è mai corso buon sangue, tant’è che proprio una pubblicità di qualche tempo fa identificava Ibm con la frase ‘Ibm è tutta intorno a te’ proprio a sottolineare la centralità della società. Ma i tempi sono cambiati e ora gli sviluppatori di Apple e Ibm hanno intenzione di sviluppare più di cento applicazioni specifiche e di settore di business specifiche per iPhone e iPad che saranno eseguite sulla piattaforma iOS di Apple.

Questa storica partnership mira a ridefinire le modalità di lavoro, affrontare le principali sfide del settore mobile e dare il via a una rivoluzione dell’enterprise guidata dal mobile, basandosi su quattro capacità chiave: una nuova classe di oltre 100 soluzioni business specifiche per settore, incluse app native e appositamente sviluppate per l’iPhone e l’iPad; esclusivi servizi cloud Ibm ottimizzati per iOS, inclusi gestione dei dispositivi, sicurezza, analisi e integrazione mobile; una nuova offerta di assistenza e supporto AppleCare su misura per le esigenze dei clienti business;  nuove offerte bundle di Ibm per attivazione, fornitura e gestione dei dispositivi.

Ginni Rometty (Ibm) e Tim Cook (Apple)
Ginni Rometty (Ibm) e Tim Cook (Apple)

Per i Cio, la partnership Apple-Ibm potrebbe cambiare radicalmente il loro modo di distribuire e utilizzare i prodotti Apple all’interno delle loro aziende. Corporate technology leader, spiegano dal Wall Street Journal, hanno detto che Apple può fare di più per rendere più semplice la gestione di iPhone e iPd a livello aziendale,  in particolare quando si tratta di funzionalità di gestione come la possibilità di caricare le applicazioni pre-configurate e una migliore interoperabilità con il software del calibro di Microsoft Corp.

Nell’ambito dell’esclusivo accordo Ibm MobileFirst per iOS, Ibm venderà inoltre dispositivi iPhone e iPad con le soluzioni specifiche per settore ai propri clienti business nel mondo. “iPhone e iPad sono i migliori dispositivi mobili al mondo e hanno trasformato il modo in cui le persone lavorano con oltre il 98% delle aziende Fortune 500 e oltre il 92% delle aziende Global 500 che usano i dispositivi iOS,” ha dichiarato Tim Cook, ceo di Apple. “Per la prima volta in assoluto, i nostri clienti iOS potranno contare sulle note Big data analytics di Ibm e averle sempre a portata di mano. Per Apple, si tratta di un’eccellente opportunità di mercato. Per il mondo enterprise, è un passo radicale e qualcosa che solo Apple e Ibm possono offrire.”

La mobility, insieme ai fenomeni dei dati e del cloud, sta trasformando il mondo del business e il nostro intero settore in maniera netta e sostanziale: permettono agli utenti di reimmaginare il lavoro, i settori e le professioni,” ha affermato Ginni Rometty, Chairman, President e ceo di Ibm. “Questa alleanza con Apple sfrutterà quest’onda positiva e porterà ulteriori innovazioni ai nostri clienti in tutto il mondo, sfruttando la leadership di Ibm in settori quali analytics, cloud, software e servizi. Siamo felici di collaborare con Apple, le cui innovazioni hanno rivoluzionato le nostre vite in modi che ora diamo per scontati, ma di cui non potremmo più fare a meno. La nostra alleanza darà vita a quello stesso tipo di rivoluzione nel modo in cui le persone lavorano, i settori operano e le aziende agiscono.”

Secondo un analista di Gartner al WSJ afferma che Apple non è un’azienda enterprise perché non è nel suo Dna, mentre lo è per Ibm. L’analista di Gartner sottolinea l’accordo come ‘improbabile, ma molto forte se si riescono a trovare gli equilibri giusti’.

Tutto questo però non deve far pensare che Apple sia sempre rimasta estranea al mondo aziendale, basti pensare che, sempre il WSJ riporta che Apple ha realizzato l’8% del suo fatturato  grazie alla fornitura di computer e tablet a imprese e Pa, contro l’1% del 2009. Questa operazione potrebbe rivelarsi un duro colpo per i concorrenti come Blackberry e Microsoft, specializzate nel mondo business. In sintesi, l’accordo Apple Ibm va nella direzione di trasformare l’enterprise mobility attraverso una nuova classe di app aziendali: le capacità di Analytics e Big Data di Ibm approderanno sull’iPhone e sull’iPad.

Le nuove soluzioni Ibm MobileFirst per iOS saranno create da una collaborazione esclusiva mirata a cogliere i punti di forza di ciascuna azienda: le capacità in ambito Analytics e Big data di Ibm, supportate da oltre 100mila consulenti di settore e dominio e sviluppatori software, si uniranno all’ integrazione fra hardware e software e alla piattaforma di sviluppo di Apple. In particolare, le aziende collaboreranno alla realizzazione di soluzioni Ibm MobileFirst per iOS, una nuova classe di app create per il business, rivolte a problematiche e opportunità specifiche per settore, in ambiti quali retail, salute, banking, viaggi e trasporti, telecomunicazioni e assicurazioni, per citarne alcuni; saranno disponibili a partire da questo autunno, con ulteriori aggiunte nel 2015.

La Ibm MobileFirst Platform per iOS fornirà i servizi necessari per l’operatività aziendale end-to-end, dall’analisi ai flussi di lavoro, passando per archiviazione cloud, gestione su larga scala dei dispositivi, sicurezza e integrazione. Questa gestione mobile ottimizzata include un catalogo privato di app, servizi per la sicurezza dei dati e delle transazioni, e una suite per la produttività per tutte le soluzioni Ibm MobileFirst per iOS. In aggiunta alle soluzioni software on-premise, tutti questi servizi saranno disponibili su Bluemix, la piattaforma di sviluppo Ibm su Ibm Cloud Marketplace. Ibm sta introducendo Ibm MobileFirst Supply and Management per i servizi di fornitura, attivazione e gestione dei dispositivi iPhone e iPad, con opzioni di leasing.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore