Apre Inspire, Microsoft incontra i partner e taglia i dipendenti

Strategie

A Washington apre la partner conference di Microsoft, battezzata quest’anno Microsoft Inspire. Si parlerà di strategie ma anche della nuova ristrutturazione che preannuncia migliaia di licenziamenti nell’area sales & marketing

Apre oggi a Washington l’evento mondiale che Microsoft dedica ai partner di canale e che vedrà sul palco il management al completo:  Satya Nadella, Brad Smith e Judson Althoff faranno il punto sulla strategia dell’azienda di Redmond  che, ormai dai anni, spinge il proprio canale a cogliere opportunità dal mondo cloud.
Un trend che ha messo in discussione non solo il modello di vendita tradizionale, i prodotti (spinta su Office 365 e Azure), il management con cambi al vertice significativi negli ultimi anni, ma anche la compagine aziendale.  E sarà proprio Satya Nadella, ceo di Microsoft, a parlare della prossima “nuova” ristrutturazione, e a confermare i tagli di dipendenti annunciati sulla stampa americana questa settimana. 

Satya Nadella, ceo di Microsoft
Satya Nadella, ceo di Microsoft

Stando a fonti ben informate (TechCrunch, Bloomberg, The Seattle Times) Microsoft  avvierà presto un maxi licenziamento che riguarderà “migliaia” di persone nell’ambito delle divisioni vendite e marketing,  proprio quelle guidate da Judson Althoff e Jean-Philippe Courtois, che avevano preso il timone lasciato vacante da  Kevin Turner (ex-Coo) la scorsa estate,  in disaccordo con la sua gestione precedente, impostando in modo più marcato la strategia di Microsoft attorno a Azure . Un prodotto che  richiede competenze diverse nella forza vendita dell’azienda non più legate a un puro modello di licensing del software, e che ha spinto Althoff e Courtois a cambiare l’approccio al mercato.

Judson Althoff, Executive Vice President, Worldwide Commercial Business di Microsoft
Judson Althoff, Executive Vice President, Worldwide Commercial Business di Microsoft

I tagli, dei quali si attende conferma da Microsoft a ridosso della chiusura dell’anno fiscale per dare agli investitori una visione più accurata sui conti per affrontare il 2018, ricalcano un copione estivo già visto:  a luglio 2014 Microsoft annunciava 18.000 licenziamenti dopo l’acquisizione fallimentare di Nokia (voluta dal precedente Ceo Steve Ballmer),  a luglio 2015 ne annunciava 7.800 sempre  nella divisione mobile perché gli smartphone non avevano portato al business stimato, a luglio 2016  rendeva effettivo il taglio di 4.000 dipendenti compresi quelli di fine maggio (1.850).  

A luglio 2017 il numerò è incerto, ma secondo indiscrezioni anticipate dalla stampa americana dovrebbe derivare dalla fusione della divisione Enterprise dedicate ai grandi clienti con parte della divisione  focalizzata  sul business SMB e, secondo Bloomberg, “sarà il taglio più grande della divisione vendite degli ultimi anni”
Nessun commento da parte di Microsoft.  Da quanto Satya Nadella guida Microsoft sono stati 12.300 i licenziamenti complessivi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore