Arrow è pronta a distribuire il cloud. Ha trovato il vendor giusto

Strategie

Federico Marini, managing director di Arrow ECS Italia, durante l’edizione 2017 dell’Arrow ECS University annuncia l’imminente firma di un accordo di distribuzione con un vendor che permetterà al distributore di avviare l’offerta cloud

Arrow sta per siglare due accordi di distribuzione con realtà che operano in ambito networking e una nel mondo cloud. Questa realtà, in particolare, permetterebbe al distributore di entrare a pieno titolo nel segmento cloud, finora esplorato con altri vendor, ma mai con una soluzione completa.

Invece, sembra proprio arrivato il momento di avviare questo filone, che si affianca a quello della security, già ampiamente coperto dal distributore, e a quello del networking, per il quale, a breve, arriverà un nuovo vendor a supportare il portafoglio di Arrow. Dopo un anno dall’annuncio, sembrerebbe essere arrivato il momento e il vendor giusto (durante la stesura dell’articolo non è noto il nome del vendor, ndr). Questo, in sintesi, quanto ha sottolineato Federico Marini, managing director di Arrow ECS Italia, durante l’edizione 2017 dell’Arrow ECS University, l’annuale appuntamento con il canale che consente, oltre alla possibilità di approfondire temi ad hoc ai partecipanti, anche la possibilità di incontrare 31 vendor espositori con i loro stand e le loro novità.

Federico Marini, Arrow
Federico Marini

Il distributore compie 15 anni e quella del 19 ottobre 2017 rappresenta la sedicesima edizione di University che, quest’anno ha visto circa 600 preiscritti e circa 400 partecipanti. Tra gli exhibitor è presente Carbon Black, new entry nel portafoglio di Arrow per l’area security e rappresentata in Italia proprio dal distributore, e Ixia. “Sono in dirittura d’arrivo le firme di due accordi di distribuzione con altrettanti vendor nell’area networking, per la quale abbiamo dovuto mettere a portafoglio un nuovo vendor dopo l’acquisizione di Aruba Networks da parte di Hpe, e poi il cloud, per il quale stiamo puntando. Attueremo un marketplace e, ai partner che non hanno una propria infrastruttura, metteremo a loro disposizione soluzioni per appoggiarsi all’infrastruttura e, sul vendor con cui stiamo firmando, ci darà una soluzione completa sul cloud. Ecco perché ora possiamo partire seriamente sul cloud. Tra i brand che nel 2018 entrerà nella top five ci sarà NetApp. Sul fronte dell’IoT, la strategia aziendale prevede la creazione di una business unit specifica che ci permetterà di creare opportunità in ambito IoT, presentare sinergie e darci l’opportunità di presentarci come fornitore globale, in questo senso, dalla A alla Z”, spiega Marini.

Arrow ha colto l’occasione di aggiornare gli operatori di canale sulle strategie in atto e sulle iniziative a loro dedicate, per continuare a guidare l’innovazione e garantire sempre tecnologie all’avanguardia che soddisfino le necessità delle imprese italiane.
Nel dettaglio, le aziende presenti all’edizione 2017 di Arrow University sono: in qualità di Sponsor Platinum, Barracuda, Check Point, F5, Sophos, Trend Micro; Sponsor Gold vi sono Citrix, CommVault, Forcepoint, Gemalto, HPE, Huawei, McAfee, MobileIron, NetApp; Sponsor Silver Allot Communications, Arrow Components, Endian, FireEye, GFI Software, Ixia, Libraesva, Praim, Pulse Secure, Riverbed, RSA, Splunk e Symantec. Carbon Black, Hitachi Data Systems, Quantum e Radware sono tra gli exhibitor.

“Il nostro obiettivo è di supportare i partner in questo momento di grande cambiamento, per essere sempre più preparati e fornire soluzioni e strumenti che possano agevolare le attività e incrementare le occasioni di business,” spiega Marini. “Rivoluzionare l’approccio verso le aziende e le nuove tecnologie è una sfida che affrontiamo insieme ai nostri clienti, con la garanzia di progetti allargati che supportino sempre l’evoluzione tecnologica e la collaborazione”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore