Barberis: c’è spazio per far crescere i numeri del venture capital italiano

Mercato
0 0 Non ci sono commenti

Paolo Barberis, uno dei consiglieri del premier in materia di innovazione, durante StartupItalia!, ha nominato il piano infrastrutturale per la banda larga, con investimenti per 12 miliardi di euro, di cui sette pubblici. VisLab, startup che ha studiato l’auto che si guida da sola, ha vinto la prima edizione di StartupItalia!Open Summit2015

Il governo punta a moltiplicare da cinque a dieci volte gli investimenti in capitale di rischio. E’ quanto ha sostenuto Paolo Barberis, uno dei consiglieri del premier in materia di innovazione, durante StartupItalia!, l’evento dedicato alle imprese innovative, il fondatore di Dada, dopo aver ricordato i numeri del venture capital italiano e averli confrontati con quelli di altri Paesi, in particolare degli Usa, ha sottolineato i piani dell’esecutivo per far crescere l’industria.

Secondo Reuters, Barberis ha nominato “il piano infrastrutturale per la banda larga“, con investimenti per 12 miliardi in cantiere, di cui sette pubblici. Attese anche agevolazioni fiscali per chi investe nelle startup. L’obiettivo, ha concluso Barberis, è “moltiplicare da cinque a dieci volte gli investimenti in capitale di rischio” nei prossimi 24 mesi.

Alla kermesse è intervenuto anche Federico Marchetti, fondatore di Yoox, che ha consigliato agli startupper di “dimenticare la mentalità, tipica del capitalismo italiano, di avere il 51% del capitale”. Marchetti ha pronosticato nuove aggregazioni nel settore dei retailer online, dopo quella fra Yoox e Net-A-Porter.

Durante l’evento VisLab, startup italiana fondata da Alberto Broggi, docente all’Università di Parma, che ha studiato la messa a punto di un’auto che si guida da sola, ha vinto la prima edizione di StartupItalia!Open Summit2015, il primo evento aperto dedicato alle startup italiane per premiare e valorizzare le giovani iniziative imprenditoriali, sostenendo e coinvolgendo chi fa impresa in Italia.Alberto Broggi, VisLab, Matteo Lanza

La giovane startup italiana, nata nel 2010 e acquistata da Ambarella, società americana quotata al Nasdaq specializzata nello sviluppo di compressioni video e immagini attraverso semiconduttori, si è distinta tra le 100 startup candidate riunitesi al Palazzo del Ghiaccio di Milano, insieme a incubatori, investitori, mentor, istituzioni, università, aziende, per partecipare al primo Summit organizzato e promosso da StartupItalia!, la più autorevole community dedicata all’ecosistema delle startup italiane, che nasce con l’obiettivo di stimolare sempre più i giovani a realizzare progetti innovativi, avvicinare il mondo delle startup a quello della grande impresa, e supportare la creazione in Italia di un ambiente favorevole all’innovazione.

L’evento ha rappresentato un’occasione per le startup che hanno avuto la possibilità, durante la giornata, di sfruttare le occasioni di networking con investitori, venture capital e Ceo di aziende italiane e internazionali. I partecipanti sono poi stati coinvolti attivamente in nove workshop dedicati a temi come Venture Capital, Open Innovation e, ancora, le nuove frontiere tecnologiche in ambito finanziario e bancario, così come nei settori alimentare, sanitario, energia, agro-alimentare e ICT. Al termine della giornata sono state annunciate le migliori dieci startup finaliste, selezionate da 50 giudici, tra cui amministratori delegati digrandi aziende del digitale einvestitori, ed è stata infine premiata la migliore startup dell’anno.

“StartupItalia! Open Summit è stata l’occasione per iniziare acostruire European Valley”,ha commentato Riccardo Luna, Direttore di StartupItalia! e Digital Champion Italiano.Nei prossimi 3 anni,non da soli, ma insieme all’ecosistema che era qui con noi oggi, vogliamo affermarci come punto di riferimento per l’informazione tecnologica in Europa”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore