Bardelli (Esprinet): Vogliamo diventare il primo distributore Apple in Italia

Strategie

Il country manager di Esprinet Italia non fa mistero del lungo corteggiamento tra Apple ed Esprinet e delle sue mire. Grazie anche all’ecosistema di apps e accessori che riuscirà a mettere a corredo all’offerta Apple. E anticipa qualche dettaglio sullo spostamento di Esprinet verso il valore

“Marginalità significa anche ridurre i propri costi”. Marco Bardelli, country manager Italia di Esprinet, sintetizza con questa frase il percorso che Esprinet ha fatto in questi tempi, dando vita a cinque divisioni che veicolano in modo più razionale i prodotti, ognuna delle quali ha al suo interno forza vendita dedicata con alta focalizzazione. Tra queste la divisione che gestisce la vendita dei prodotti Apple, da poco entrati a listino nel team di Giulia Perfetti,  Marketing Manager IT Volume Area Esprinet Italia, che coordina due brand manager (uno dedicato al solo iPad) e un sales specialist. Di Apple, come già si sapeva,  Esprinet potrà vendere tutti i prodotti a listino, tranne l’iPhone che per ora rimane saldamente nelle mani dei carrier.

Marco Bardelli, country manager Italia di Esprinet

“Il sogno che abbiamo nel cassetto – dichiara Bardelli  è diventare numero uno nella distribuzione dei prodotti Apple in Italia, allargando la distribuzione anche verso gli utenti a metà strada tra il professionale e il consumer. Siamo già distributori di Apple in Spagna e  possiamo godere di questa importante esperienza per pianificare azioni sul mercato”. E incalza Perfetti: “E’ stato un lungo corteggiamento tra noi ed Apple, che ha dedicato ad Esprinet risorse specifiche per questo progetto. Siamo seguiti da Apple con grande professionalità, passo dopo passo”. 

Perfetti coordina la vendita dei prodotti Apple senza nessuna limitazione sui reseller. Ciò significa che, “nell’ambito della correttezza”, potrà approcciare anche rivendite importanti finora gestite da altri distributori (Tech Data, E-motion o Attiva), come lo è per esempio Media World per Tech Data. “La competizioni non si giucherà sui prezzi – precisa Perfetti – ma sull’ecosistema che si costruirà attorno, fatto di apps, di servizi e di accessori” anche della linea di casa Nilox, che avrà carta bianca per realizzare dispositivi dedicati al mondo Apple.

Giulia Perfetti,  Marketing Manager IT Volume Area Esprinet Italia

“Oggi chi fa la differenza nel mondo della distribuzione è il distributore proattivo nei confronti del vendor che porta valore aggiunto al vendor  stesso – continua Bardelli – . E questo è l’obiettivo che Esprinet sta portando avanti ora, con la capacità di sviluppare nuovo business, e con nuovi progetti anche nell’area della gestione dei margini.  Esprinet sta vivendo un grande cambiamento: si sta presentando come un distributore specializzato in soluzioni e sta per questo mostrando una nuova forza”. Questo non solo per Apple.

Il percorso intrapreso sfocerà a breve nella nascita di un’area Valore, come già anticipato nelle scorse settimane. “L’attuale offerta a valore entrerà in una nuova società, al momento già costituita come legal entity, che verrà presentata con l’anno nuovo” precisa Bardelli. Sarà a tutti gli effetti una società controllata al 100% da Esprinet (e non una divisione come inizialmente trapelato) che sarà guidata da Luca Casini, già storico personaggio di Esprinet. Al momento non si sa nulla di più: se non che avrà un nome che inizia per V, nato da un brainstorming  tra i dipendenti. Ma se V stia per Valore, Value o quant’altro non è dato sapere.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore