Barlocco (Samsung): Il notebook va qualificandosi, la quantità conta meno

Strategie

Carlo Barlocco, Vice President della divisione IT e telefonia di Samsung Italia, spiega le scelte di Samsung in occasione della presentazione al pubblico italiano di Samsung Serie 5 Ultra

“Cerchiamo la qualità, vogliamo che smartphone e tablet si differenzino chiaramente rispetto all’offerta dei competitor. Lasciamo da parte il mercato dei netbook, in netto calo, per offrire laptop che costino magari 100 o 200 euro di più, ma valgano anche molto di più. Il notebook va qualificandosi, la quantità conta meno”.

Così Carlo Barlocco, Vice President della divisione IT e telefonia di Samsung Italia, spiega le scelte di Samsung in occasione della presentazione al pubblico italiano di Samsung Serie 5 Ultra, una collezione di ultrabook disponibili già dal prossimo mese di marzo sul mercato a partire da 899 euro.

E la strategia di Samsung, di cercare il valore – piuttosto che il numero di pezzi su prodotti che marginano poco – sembra pagare. E sembra pagare perché il valore si genera con la ricerca. Samsung investirà nel 2012 oltre 40 miliardi di dollari, “sono il fatturato complessivo di una grande multinazionale”, vuole sottolineare Barlocco. E nel 2012 Samsung assumerà complessivamente worldwide oltre 26mila persone, e circa un centinaio in Italia. Numeri importanti, in un anno in cui non sono poche le aziende che tagliano.

“La fascia dei netbook – secondo Barlocconon ha reso giustizia all’intelligenza di questi prodotti, in cui Samsung comunque era posizionata molto bene. Usciamo dalla strategia dei prodotti entry level, e nella nostra fascia “entry” terremo solo notebook di qualità, che non sacrificano chi li usa come strumenti di lavoro e divertimento”.

Gli fa eco Sergio Ceresa, nuovo direttore commerciale della divisione Information Technology: “Samsung Italia nel 2011 (rispetto al 2010) ha avuto una lievissima flessione di fatturato da 2.556 a 2.516 miliardi di dollari. Anche nella nostra divisione si è riflesso il calo, ma abbiamo un piano ambizioso per il 2012 in cui cresceremo, e molto, a valore. La parte del leone sarà costituita ancora dal printing, ma anche la fetta dei notebook è destinata a crescere, proprio secondo la strategia espressa, per i prodotti a più elevato valore che immettiamo sul mercato, a partire da Samsung Serie 5 Ultra e dalle nostre Serie superiori, la 7 e la 9”.

Quindi si parla di shift di prodotto, Samsung già nel 2011 ha seguito il trend invertendo i pesi di fatturato; da una proporzione del 70% di netbook e del 30 % di notebook Samsung ha scambiato i piatti della bilancia. Questa inversione, lo dicono i dati Gfk, ha consentito, pur con la lieve flessione complessiva , di fare meglio della media nello specifico comparto e di guadagnare anche a valore (+50% anno su anno). Un dato confermato dal trend dei notebook Samsung che costano più della media che si aggira intorno ai 550 euro a pezzo, e che per Samsung è invece di 570 euro a pezzo.

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore