BlackBerry punta a trovare un acquirente entro novembre

Strategie

Blackberry, che ha assunto JP Morgan Chase per il processo di vendita, ha ridotto l’elenco dei potenziali acquirenti nell’ambito di un processo di vendita che dovrebbe formalmente essere avviato a breve

BlackBerry punta a trovare entro novembre un acquirente e, in tal senso, intende portare avanti un rapido processo di selezione degli interessati.

Lo hanno riferito alla Dow Jones Newswires fonti a conoscenza del dossier, ricordando che il produttore canadese di smartphone ha annunciato lo scorso agosto di aver formato un comitato interno al Cda per “valutare alternative strategiche”.

Secondo Mf-Dj,  l’azienda ha intrattenuto colloqui preliminari con società interessate all’acquisto di parte o di tutta le attività, ha aggiunto una delle fonti, sottolineando che Blackberry, che ha assunto JP Morgan Chase per il processo di vendita, ha ridotto l’elenco dei potenziali acquirenti nell’ambito di un processo di vendita che dovrebbe formalmente essere avviato a breve, ma non è per nulla garantito che i tempi saranno rispettati ne’ che l’interesse si concretizzerà in eventuali offerte.Blackberry@shutterstock

Blackberry non riuscita ad affrontare con successo l’agguerrita concorrenza di società innovative come Apple e Samsung Electronics. La società controllava fino a poco tempo fa oltre la metà del mercato della telefonia mobile statunitense, ma ora la sua quota di mercato è di solo il 3%. Le sue prospettive future hanno inoltre subito un duro contraccolpo dal fallimento di mercato dei due nuovi dispositivi lanciati ad inizio anno, Z10 e Q10, che hanno ampiamente deluso le aspettative.

Il Cda di BlackBerry punta dunque ad una rapida soluzione del processo di vendita, ha spiegato una delle fonti. La rapida erosione del business della società canadese e l’obiettivo di salvaguardare il più possibile il valore dell’azienda contribuiscono probabilmente a spiegare la volontà di concludere il processo di vendita in modo rapido.

Il titolo, un tempo scambiato sul Nasdaq oltre la soglia dei 200 dollari, ora tratta poco sopra i 10. Le azioni, nei giorni scorsi, hanno guadagnato il 4,2% a 10,64 dollari, per una capitalizzazione di mercato di circa 5,6 miliardi. Non è chiaro con chi sono stati intrattenuti i colloqui preliminari con BlackBerry o suoi rappresentanti, ma operatori di private equity ed, eventualmente, alcune società tecnologiche asiatiche potrebbero valutare l’operazione e una delle ipotesi coinvolge uno spezzatino della società con più acquirenti al tavolo delle trattative.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore