Blueit: ecco l’offering che parla di cognitive computing e IoT

Strategie

Blueit presenta b.digital, una nuova società del gruppo che dovrebbe aiutare i clienti a cogliere le opportunità che arrivano dalla digital transformation, una sorta di rapporto consulenziale tra azienda e cliente

Blueit alza il sipario su b.digital, una nuova società del gruppo che dovrebbe aiutare i clienti a cogliere le opportunità che arrivano dalla digital transformation, una sorta di rapporto consulenziale, insomma, che si consuma alla luce delle novità digitali a cui si sta assistendo.  Qualche settimana fa, ChannelBiz.it aveva anticipato questa nuova nascita 

Una volta strutturati, “abbiamo deciso di crescere verso uno stadio applicativo investendo in apparecchiature per fornire dalla manutenzione più ardua  fino a gestione dei data center e in cloud disruptive. Con esperienza sul cloud, abbiamo fatto una ricerca approfondita sui grandi provider cloud professionali e abbiamo quindi costruito un’offering ad hoc che parlasse di cognitive computing e IoT. Abbiamo replicato il paradigma con iniziative e novità come per esempio b.digital, una società posseduta da Blueit dove abbiamo iniziato a sviluppare competenze applicative e sviluppo app digitali basati su intelligenza artificiale così come abbiamo lavorato per l’Industrial Iot nel manifatturiero”, spiega Paolo Mazza, ceo di b.digital e marketing & innovation director di Blueit. “Negli ultimi tre anni – continua – ci siamo concentrati sul cloud ma abbiamo capito che l’offering sul marcato di Infrastructure as a service erano difficile da vendere e, nel 2014, abbiamo di fatto siglato un accordo con Esprinet per veicolare la sua offering con i nostri servizi e lo scorso anno abbiamo replicato con Tech Data”.

Paolo Mazza, Marketing Innovation Director BlueIt
Paolo Mazza, Marketing Innovation Director BlueIt

Nel corso del 2017 la società punterà sugli investimenti anche nel digitale, come per esempio nei distretti tra Bergamo e Brescia, “opereremo nel triveneto parlando con associazioni di categoria, per far capire l’importanza del piano Calenda e l’importante leva da non perdere”.

Mazza sottolinea che i due trend principali di concentrazione di Blueit sono: il cognitive computing e l’augmented intelligence, l’intelligenza aumentata. Molte esperienze si ritorvano attorno a questi due capisaldi che sono poi l’anticamera dell’Industrial Iot, a cui Blueit si rivolge. “L’esperienza rpincipale fa capo alla logistica – spiega Mazza – avere la possibilità di dare informazioni agli insite della filiera, integrare le app e dare la possibilità di fornire dati alle imprese”. 

“L’Industrial Internet of Things rappresenta la convergenza tra molteplici tecnologie, e mette a disposizione delle aziende una leva competitiva senza precedenti, a partire dal tema legato all’integrazione della Supply Chain. E proprio le Pmi, delle quali è composto in grande maggioranza il tessuto imprenditoriale italiano, sono in una posizione di grande vantaggio nel beneficiare della trasformazione in corso, sfruttando la propria agilità nell’aggiornare il modello organizzativo e la capacità di anticipare il mercato internazionale in molti settori.”

“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti finora che ci hanno permesso di ampliare il nostro portafoglio di servizi e avviare una nuova società dedicata espressamente al segmento digital,” sottolinea Girolamo Marazzi, ceo e fondatore di Blueit,Il nostro obiettivo principale è mantenere il livello di eccellenza dei nostri servizi, proseguendo nel nostro straordinario percorso di crescita e basando la nostra strategia sulla trasparenza nella relazione e sulla fiducia dei nostri clienti, perché riteniamo che siano questi gli asset più importanti per chi opera nei servizi.”

Girolamo Marazzi, presidente Blueit
Girolamo Marazzi, presidente Blueit

L’arricchimento dell’offerta permetterà a Blueit di allargare il proprio raggio d’azione in Italia e all’estero, dove già opera per molti clienti internazionali, con l’idea di stringere partnership tecnologiche con nuovi attori, non solo in ambito IT, per continuare a realizzare progetti ambiziosi. Sono già in crescita infatti le attività per l’integrazione di dati e sistemi nell’ambito della Logistica e della Produzione, dalla consulenza per la mappatura dei processi e dei flussi di dati tra sistemi, alla capacità di costruire le piattaforme di integrazione basate sui paradigmi di sviluppo più innovativi. Blueit è determinata nel conquistare una posizione di leadership in questa fase storica, mettendo a frutto l’esperienza e gli asset che ha saputo costruire e cogliendo a pieno i vantaggi e le leve resi disponibili da questo momento di mercato.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore