E-book e libri fisici si contendono il mercato e-commerce

News

Il mercato ebook è cresciuto in termini di titoli disponibili (63 mila dal 2011), di quota di mercato (tra il 2,7% e il 3,0% riferita ai canali trade 2013) e di titoli digitali venduti, ma con fatturati ancora modesti che non sostituiscono affatto le perdite di vendite e nei canali fisici

Il mercato ebook è cresciuto in termini di titoli disponibili (63 mila dal 2011), di quota di mercato (tra il 2,7% e il 3,0% riferita ai canali trade 2013) e di titoli digitali venduti («downloadati»), ma con fatturati ancora modesti che non sostituiscono affatto le perdite di vendite e nei canali fisici. “Cosa tiene accese le stelle? Editori e lettori dopo tre anni di segni meno” si confronteranno il 9 maggio al Salone Internazionale del Libro di Torino in un convegno organizzato dall’Associazione Italiana Editori, in collaborazione con il Salone, per fotografare il mondo del libro nel 2013 e nel primo trimestre del 2014. ebook@shutterstock

E-book e libro fisico si contendono il mercato dell’e-commerce. Tre anni di segni meno si sono registrati nelle vendite, nel numero di titoli pubblicati (-4,2% solo nel 2013), nelle copie vendute (-4,1%, dato 2013), nei prezzi di copertina (-5,1% nel 2013) e in quello medio del venduto. Secondo l’Ansa, segni meno purtroppo anche nel numero di lettori (-7,6% nel 2013), che indicano poi le dimensioni del “mercato potenziale” per editori e librerie, e nelle disponibilità economiche di chi i libri li compra e li legge.

Parte da qui il convegno per poi fotografare questo momento tenendo conto degli spostamenti verso l’e-commerce per il libro fisico, e di quello digitale, anche se meno di quanto ci si attendeva, ma in linea con tutti i mercati dell’Europa continentale). Insomma, si resta ancora in questo spazio grigio del lungo processo di cambiamento di regole, di processi produttivi e distributivi, di prodotti e di modi di informarsi su cosa leggere e dove comprare.

Anche di un diverso modo di “utilizzare il tempo” da parte di lettori e clienti, ma la filiera va avanti. Si rinnova nei prodotti e si internazionalizza; accoglie le opportunità che il digitale le offre, nei processi e nei prodotti. Percorre, spesso da sola, nuove strade per la promozione della lettura e per allargare il mercato, o semplicemente per cercare di far sì che quel mercato non si restringa ulteriormente. Le librerie esplorano nuove formule: l’integrazione con il food ne è un esempio, per rispondere a un cliente che integra librerie fisiche con store online, letture di pagine con letture di pixel.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore