Borland cambia veste

News

La società ha avviato una profonda riorganizzazione per consentire una
maggiore focalizzazione sul cliente e migliorare l’efficienza dei modelli di
business.

Accelerare la strategia Alm, creare un modello operativo per i prodotti Ide e
iniziare una ristrutturazione internazionale volta a migliorarne l’efficienza.
Questi gli obiettivi della riorganizzazione avviata da Borland, che intende in
questo modo allineare le diverse funzioni aziendali per focalizzarsi
maggiormente sul cliente. Le novità riguardano anche i vertici aziendali, con la
nomina di un nuovo vice presidente per l’area Emea (Europa, Medio Oriente e
Africa). Il ruolo è stato assunto da Paul Taylor.
La ristrutturazione, che ha anche l’obiettivo di ridurre i costi, porterà a una
riduzione dei posti di lavoro, pari al 20% dello staff a tempo pieno,
equivalente a circa 300 dipendenti. Questo porterebbe a un risparmio annuale di
circa 60 milioni di dollari.
?Crediamo che questi cambiamenti non solo ottimizzeranno le operazioni ma
allineeranno meglio le nostre risorse per il successo dell’azienda ? ha
dichiarato Tod Nielsen, ceo dell’azienda – I cambiamenti sono realizzati per
ottenere un modello operativo che possa supportare la nostra strategia a lungo
termine volta alla crescita e al profitto?.
Tra le novità introdotte, spicca la creazione di una nuova figura di Field
operations, con l’unificazione del settore delle vendite e dei servizi
professionali; e l’unificazione del supporto clienti alla ricerca e sviluppo per
assicurare una migliore risposta e creare un feedback più stretto tra gli
ingegneri responsabili di prodotto e i clienti stessi. E’ stata creata inoltre
una nuova funzione per le Business Operations che si concentrerà
sull’allineamento dei processi, i sistemi interni e il servizio clienti.