Brazier (Canalys): reseller rifocalizzati sul settore privato

News

Durante l’edizione 2010 di Canalys Channel Forum, Steve Brazier, presidente e ceo di Canalys, traccia un quadro della situazione del mercato distributivo, analizzandone i trend futuri

Il cloud computing, la virtualizzazione, il ri-focus sul settore privato, la volatilità del prezzo dell’energia,  le vendite dei device con particolare risalto ai Pad e agli smartphone. Dopo un anno, Barcellona riapre i battenti a Canalys Channel Forum 2010. Più di 700 partecipanti per una due giorni di confronti tra vendor, partner ed esperti di settore, su tendenze, andamenti e bilanci.

Lo scorso anno, Steve Brazier, presidente e Ceo di Canalys sollecitava i reseller presenti alla manifestazione scuotendo la platea con un’affermazione forte: “l’attesa del business promesso porta a fare i conti con la bancarotta”, sciogliendo le riserve mentali di quei reseller troppo fossilizzati su un business ormai defunto.

In questa edizione, Brazier ha rilanciato sia l’idea di un ottimismo diffuso sia l’idea che il settore privato debba essere stimolato: “è necessario che i reseller si specializzino in vista del 2011”, considerando che “il cloud computing dovrebbe stimolare gli investimenti del canale e ci sono nell’aria altre opportunità legate alla disaster recovery, data centre management, sicurezza, energia e sviluppo, wi-fi e data security”, spiega Brazier.

Il primo e il secondo trimestre 2010 hanno registrato un incremento delle entrate così come il profitto ha dato segnali di ripresa  fin dal quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre di quest’anno è da considerarsi fantastico”, commenta il presidente e Ceo di Canalys. “Se il settore privato ha giocato fin d’ora una politica legata al risparmio dei costi, il settore pubblico non ha mai smesso di credere negli stimoli economici. Per cui, mi sento di consigliare al canale – afferma Brazier – di non trascurare la Pa ma di cavalcare il settore privato”.

Brazier ha sottolineato più volte come il canale debba investire di più in ambito cloud computing e sulla virtualizzazione della prossima generazione di data center, dato che le cifre e gli analisti sostengono proprio questo filone.

A questi si aggiungono le opportunità legate al mercato mobile. E da qui il balletto di cifre. “Entro il 2012, 19 milioni di Pad saranno venduti in Emea – spiega Brazier citando stime Canalys di settembre 2010 – i notebook cresceranno del 9%, i netbook (-3%), i Pad cresceranno del 65%, mentre gli smartphone, che rappresentano lo zoccolo duro, cresceranno del 16% anno su anno”.

Insomma, se a febbraio 2009, in pieno periodo di crisi economica, Brazier calmava facili entusiasmi sostenendo che non ci sarebbe stata “un’inversione di tendenza immediata con recuperi dietro l’angolo. In questo momento le aziende non sanno cosa succederà nel brevissimo termine ma è forse il momento di mettere in atto operazioni precise, attaccare e non aspettare perché i profitti arriveranno, non subito ma entro i prossimi cinque anni”, oggi il presidente e ceo di Canalys suggerisce ai reseller di non lasciare perdere il settore della pubblica amministrazione, forte, evidentemente, di un potere d’investimento ancora forte e di un altrettanta necessità di rinnovamento infrastrutturale e guardare, di nuovo, al settore privato.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore