Brevi chiude il 2013 con +13% di fatturato

News

Brevi chiude il 2013 con 156 milioni di euro di fatturato, 31 cash&carry destinati ad aumentare. Nel 2013 il canale It tradizionale ha polarizzato le attenzioni e i flussi di vendita

Brevi chiude il 2013 con un fatturato in crescita, rispetto all’anno precedente, del 13%, pari a 156 milioni di euro.

In espansione anche il parco clienti con circa 14 mila rivenditori che si sono riforniti presso Brevi, facendo incrementare anche il numero delle anagrafiche del 15%. E’ questo quanto riporta una nota della società, che ha da poco festeggiato trent’anni di attività con una rete distributiva di 31 cash&carry dislocati sul territorio.Brevi

L’analisi del fatturato 2013 conferma il notebook come prodotto principe in termini di volumi di vendita (circa il 20% del totale), pur registrando una flessione rispetto al 2012, ma in linea con il trend di mercato.

Interessanti segnali cominciano a provenire dai dispositivi mobile di ultima generazione, specie i tablet, che nell’ultima parte dell’anno hanno registrato numeri di vendita significativi.

Nonostante l’introduzione dei nuovi device, il PC desktop conserva una sua appetibilità e si propone al secondo posto nella classifica delle categorie merceologiche più vendute, con circa il 10% di market share. In questo segmento una citazione a parte merita il marchio di casa “Winblu”, PC prodotti dalla fabbrica Brevi di Rovigo, che si conferma un brand sempre più apprezzato dalla clientela del distributore. cash&carry Brevi

Anche la componentistica, nel suo complesso, mantiene un peso importante nel totale del fatturato Brevi (30%), con una menzione speciale per la categoria hard disk, particolarmente performanti anche nelle versioni esterne e SSD.

Il software, in particolare sistemi operativi e applicativi Microsoft e antivirus, tiene mentre monitor e stampanti confermano sostanzialmente i risultati dell’anno precedente. Anche i prodotti per il networking hanno segnato un vantaggio in casa del distributore. In ultimo, il 2013 ha registrato l’inserimento e l’esplosione del prodotto smartphone, che ha da subito riscosso l’interesse della clientela e registrato un crescente successo di vendita. In questo segmento, è stato il brand “Prestigio” a recitare la parte del leone: un marchio distribuito da Brevi e Cometa e una partnership diretta che promette ulteriori soddisfazioni nel 2014.

Il fattore finanziario si è confermato anche nel 2013 uno degli asset strategici del business, anche e soprattutto alla luce del contesto generale. La particolare attenzione dedicata a questo aspetto ha permesso a Brevi di contenere al meglio le criticità provenienti da questo fronte, mantenendo indici di insolvenze e di perdite su credito più che positivi rispetto alla media del settore.

In termini di canali distributivi, anche nel 2013 è stato il Canale IT “tradizionale” a polarizzare le attenzioni e i flussi di vendita del Distributore bergamasco, mentre il Canale Retail (GDO/GDS)  non è centrale nelle politiche aziendali. Per quanto costretto a muoversi in un contesto sempre più complesso (per la contrazione della Domanda e le difficoltà di accesso al Credito), il Canale degli operatori IT conserva consistenza, vivacità e dinamismo, sia per le sue capacità di adattamento e di imprenditorialità che per il continuo affacciarsi di nuovi soggetti sulla scena. Con la recente apertura di Firenze e il raggiungimento di quota 31 punti vendita, la rete di cash&carry Brevi assicura una copertura capillare del territorio. Ciò non esclude in futuro valutazioni su possibili nuove aperture in zone con potenzialità interessanti, qualora se ne presentasse l’opportunità.

La prossimità geografica e il rapporto diretto con l’operatore continuano infatti a rappresentare elementi-chiave del modello competitivo di Brevi, e in questa direzione continueranno a muoversi anche le attività marketing/commerciali. In tal senso, anche nel 2013 eccellenti risultati sono provenuti dalle attività in-store, a partire dal roadshow “Focus Day”, dagli eventi di formazione (diversi cash&carry sono stati attrezzati con apposite aule-corsi) e dalle giornate promozionali realizzate in partnership con i principali vendor di settore.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore