Carlone (Nesspro Italy): cercare una via di fuga da un mercato asfittico

News

Nesspro sta lavorando per preparare un portafoglio di offerta completo anche con prodotti italiani nell’area delle applicazioni dei social media per il settore aziendale,  la mobilità e la gestione dei diritti DRM. Tutto questo entro il 2011

Nesspro Italy si affaccia al nuovo anno lasciando alla spalle un 2010 decisivo e di fondazione per la società entrata nel 2007 a far parte di Ness Technologies dalle ceneri di Selesta.

La dismissione della sede storica di Genova segna una radicale trasformazione per la società. Come racconta Giuseppe Verrini, che dall’inizio dell’anno ha assunto la piena responsabilità di Nesspro con la carica di amministratore delegato, ” La società è stata rifatta con nuove persone alla sua guida. Sono ormai 60 i professionisti che ruotano in Italia attorno alla società. E il 2010 è stato un anno importante che mette a bilancio quattro trimestri consecutivi di profitto”.

Nesspro Italy è la divisione di Ness Technologies ( 572 milioni di fatturato) che si occupa della distribuzione di prodotti software in Italia, Israele, Spagna e Portogallo. Giunta oltre la soglia dei 250 clienti italiani, soprattutto grandi organizzazioni, Nesspro sta implementando una svolta di mercato attraverso l’apertura della sua offerta al canale indiretto passando per 8 partner, con un obiettivo di 15, al fine di raggiungere le imprese di dimensioni più piccole.

Per fare questo Nesspro ha messo a profitto la sua attività di scouting tecnologico per mettere a punto una nuova linea di prodotti che Verrini definisce di “ Workplace Optimization e Green IT “.
Come precisa Aurelio Carlone, alla direzione del marketing aziendale, siamo un distributore che cerca di uscire dalla situazione del mercato italiano che sta diventando asfittica. La ricerca del valore passa attraverso l’integrazione di nuovi prodotti. E stiamo attuando una sorta di cross fertilization tra società di italiane e straniere, anche startup e poco conosciute“, valorizzandone l’offerta in alcune applicazioni verticali. Prima area di mercato è quella della ottimizzazione del posto di lavoro.

”Primo obiettivo richiesto dalle aziende – spiega Verrini- è quello della ottimizzazione dei costi e poi un servizio migliore all’utenza aziendale da parte dei dipartimenti IT, una sorta di sostenibilità verde del workplace, attraverso al customer satisfaction interna.”.

Qui Verrini ricorda la gestione di 60 mila posti di lavoro in un istituto finanziario già in carico a Nesspro. Si parte da una soluzione di printing management con una gestione accurata di stampanti e consumabili per arrivare al management di tutti gli asset aziendali e i tool di controllo dell’installato.
Più interessanti sembrano essere le nuove attività che dovrebbero completarsi nel corso dell’anno, ma non oltre l’estate, per ottenere un portafoglio di offerta completo anche con prodotti italiani nell’area delle applicazioni dei social media per il settore aziendale,  la mobilità e la gestione dei diritti DRM. Tutto dovrebbe essere pronto per le attività della seconda metà dell’anno. Ai responsabili di Nesspro sta a cuore in particolare una soluzione di ottimizzazione dei dati all’interno delle attività di business intelligence e data warehouse con un’azienda italiana ( Sadas) per query complesse ( Olap) in scenari con grandi quantità di dati e un prodotto che sarà sviluppato o in collaborazione con Micro Focus con Syncsort per progetti di migrazione.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore