CeBit 2011: quattro percorsi per quattro colori differenti

News

L’edizione 2011 della fiera di Hannover conferma l’impostazione dell’anno passato. Quattro le aree principali, attenzione per il cloud computing, con tante occasioni di confronto tra le competenze di operatori e clienti

Tema centrale di CeBit 2011 sarà il cloud con lo slogan “Work and Life With The Cloud”. E in un contesto in cui a livello mondiale sono sparite 60 fiere specializzate, la scelta di confermare l’impostazione della fiera (dal 1 al 5 Marzo ad Hannover) su quattro aree principali è il primo segnale della buona intuizione dell’edizione 2010 (6.000 espositori e 500.000 visitatori). CeBit 2011, come spiega Martina Lubon (Vice President CeBit) comprende quindi CeBit Pro, CeBit Gov, CeBit Lab e CeBit Life. Ogni percorso è contraddistinto da un colore specifico, per orientare il visitatore. Resta chiara e netta anche l’impostazione professionale del salone che per questo si differenzia da Ifa, la fiera di Berlino dedicata all’elettronica di consumo.

Da qui la scelta di focalizzare gli sforzi organizzativi sulla  tematica cloud, sviluppandola comunque sul doppio binario Work and Life. Da un lato quindi il cloud come risorsa per un consistente risparmio dei costi nel faticoso contesto competitivo internazionale, dall’altro per garantire ai cittadini servizi migliori. Si agganciano qui le sezioni CeBit Gov (eEducation, eGov ed eHealth) e CeBit Life, senza dimenticare che CeBit è anche punto di incontro e confronto di conoscenza, sapere, competenze e informazioni che troveranno occasioni di crescita nell’area Lab, dove il mondo delle università incontra il mondo del lavoro (Future Match).
In realtà quello della possibilità di dialogo e confronto è un po’ l’ossatura di tutto il salone, che avrà spazi dedicati per favorire l’integrazione tra chi ha da proporre idee e chi cerca soluzioni per i problemi concreti.

Bruno Lamborghini, Eito Chairman, intervenuto in occasione della presentazione della fiera, sottolinea la bontà del focus di CeBit in relazione al contesto internazionale e spiega: “La ripresa economica europea stimola la spesa It, anche se a doppia velocità con il 4% per l’Europa nel suo complesso, Francia e Germania che guidano e i Paesi in difficoltà come il snotro”. I cambiamenti in atto sono notevoli, l’hardware traina con i nuovi form factor (tavolette e smartphone), ma il cloud è il vero punto di riferimento per lo sviluppo dei servizi e il software segue a ruota. CeBit, nell’area Life si dimostra sensibile anche a questi aspetti e prevede infatti una AppZone per il confronto tra gli sviluppatori.

Prosegue Lamborghini: “Nello scenario delle telecomunicazioni, invece, il panorama per alcuni aspetti sorprende: il mercato mondiale cresce al 5%, ma l’Europa è ferma e tenderà a decrescere. La telefonia fissa scende più del 4%, laddove invece l’Italia crescerà di più di un punto percentuale. La Germania è ferma”. Intanto nel 2010 il 25% dei telefonini sono smartphone e nel 2011 saranno almeno il 33%. CeBit, mentre non soffre la concorrenza di Ifa, sente invece quasi di riflesso a questi dati, la concorrenza del Mobile World Congress, ma anche in questo senso la solida impostazione professionale It sembra dare ragione alle scelte degli organizzatori che hanno deciso di puntare sulla valorizzazione delle risorse It come volano di tutti i settori professionali“in un contesto in cui diventa sempre più difficile – sottolinea in chiusura Lamborghini classificare prodotti e servizi ripartendoli negli ambiti It, Tlc e Consumer Electronics, mentre sono sempre più destinati a convergere in un unico mercato che andrà tutto ripensato”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore