Cebit 2012: La fiducia è alla base della crescita economica

Strategie
BeBIT 2012 Hannover

La collaborazione stretta con Smau va nell’ottica di una maggiore cooperazione per creare nuove opportunità. Una cinquantina di aziende nella delegazione italiana

Non è più ormai un evento solo legato al mondo IT ma anche al mondo politico. Perché il Cebit, con Angela Merkel presente ormai da anni alla cerimonia di inaugurazione, riveste non sono per la Germania ma anche per l’Europa un ruolo importante per il rilancio di un settore che ha subìto in questi anni una frenata (i dati di Assintel o di Eito lo confermano). Non a caso quest’anno il Cebit – che si terrà ad Hannover dal 6 al 10 marzo 2012 – ha rivisto la sua formula, organizzando lo spazio espositivo in quattro aree tematiche che oltre alla tecnologia valorizzano anche laboratori del futuro e mondo consumer: Cebit Pro, Cebit Gov, Cebit Lab e Cebit Life. E vedrà la presenza di numerosi commissari dell’Unione Europea ed esponenti politichi per favorire dialoghi con i rappresentanti anche delle economie locali.

“Se Cebit Pro è a tutti gli effetti l’area di maggiore attrattiva per i visitatori in quanto è l’area in cui le aziende presentano applicazioni ICT per uso professionale, l’area Cebit Lab è la più innovativa in quanto è un vero e proprio laboratorio aperto a università e istituiti di ricerca – precisa Bernd Heinold, vice president del Cebit incontrato a Milano-. Cebit Life dibatterà di tutte le tematiche riguardanti le smart city, il pubblico e il privato, oltre ad avere aree dedicate a web, media, games”. Insomma accanto all’area professionale, un’area dedicata al mondo “reale” dove la tecnologia deve trovare spazi di impiego, una sorta di “urban solution”, dove si discuterà anche di energie sostenibili, gestione intelligente del traffico, sanità e mobilità. Coniugando interessi pubblici (Cebit Gov) e privati.

Un tema che si colloca perfettamente all’interno della tematica più generale che incornicia la manifestazione: “Managing Trust” ovvero  dare fiducia e sicurezza nell’ambito del mondo digitale. “Quanto più ci sarà fiducia nelle soluzioni e nelle applicazioni dell’offerta di ICT, tanto più velocemente potrà crescere l’economia mondiale. La fiducia è la colonna portante dell’attività economica – precisa Heinold. – Anche il cloud è spesso frenato dalla poca fiducia che le aziende depongono in questa nuova filosofia di business, così come tutte le problematiche legate alla sicurezza nel mondo mobile possono preoccupare le aziende”. Per discutere di cloud ci sarà Werner Vogel, Cto mondiale di Amazon, in compagnia di altri profili di rilievo (tra cui Kevin Turner di Microsoft, Jacob Aqraou di eBay, Michael Rhodin di Ibm).

Quest’anno partner del Cebit sarà il Brasile, con discorso atteso del presidente brasiliano Dilma Rousseff. Importante anche la delegazione italiana (una cinquantina di aziende) e l’accordo di cooperazione stipulato a ottobre con lo Smau per promuovere reciprocamente le manifestazioni e trovare delegazioni economiche e politiche per dare vita a nuove opportunità di business e a un network fieristico globale dell’ICT. Che possa ridare fiducia come il Cebit invoca.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore