Centro Computer: la morte di Windows Xp e Server 2003 mette il turbo al 2015

News
partner, meeting, business meeting@shutterstock

Roberto Vicenzi, vice presidente di Centro Computer, traccia una sintesi dell’anno appena concluso e immagina prospettive di sviluppo nel 2015. Il 2014 ha visto una crescita di fatturato del 20% contro un 2013 ‘triste’. Per il 2015 si aspetta nuovi investimenti derivanti dallo stop di Windows Xp e Windows Server 2003

La morte di Windows Xp e di Windows server 2003 fanno ben sperare su una ripresa degli investimenti in tecnologia per questo 2015.

Almeno questo, in sintesi, è il pensiero di Roberto Vicenzi, vice presidente di Centro Computer, che contattato ha raccontato, conti alla mano, l’andamento del 2014 e le speranze di un futuro un po’ meno nero. Vicenzi è entusiasta su come ha chiuso il 2014 parlando di una crescita del 20% circa del fatturato. Un risultato lusinghiero, che lui stesso non si tira indietro paragonandolo a un “2013 triste nei risultati”, spiega e lo stimola a pensare positivamente sul 2015.

Roberto Vicenzi, Vice Presidente Centro Computer
Roberto Vicenzi

“Nel 2014 siamo cresciuti del 16% sul fronte dei servizi con un incremento del 5% dei clienti seguiti così come un quasi 90% di crescite delle soluzioni per pdl (posti di lavoro). Uno dei motivi di questa crescita va ricercato nello stop da parte di Microsoft a Windows Xp che ha indotto le aziende a innovare e quindi a sostituire i server e indurre le imprese a investire. Questo ha portato buoni risultati a Centro Computer, a parità di personale, il che ci indurrà a investire ancora di più nel 2015. Ci sono prospettive – spiega Vicenzi – c’è la sensazione che quest’anno possa esserci la crescita. Le aziende potrebbero ritrovare la voglia e la necessità di investire. E anche noi, dopo molti anni, nel 2015 investiremo sul personale con l’inserimento di tre nuovi venditori presso le nostre filiali di Milano, Padova e Faenza, quindi un piano di espansione dopo anni in cui avevamo congelato anche la nostra crescita interna. Se poi consideriamo che dal prossimo luglio andrà a spegnersi pure Windows Server 2003 si può ben capire che uno dei motivi di innovazione dei data center è presto detto. I rivenditori sperano che succeda la stessa cosa che succede con Windows Xp infatti, i principali player del mercato, tra cui Microsoft, Hp e Lenovo stanno già facendo promozioni a riguardo. Bisognerà capire – spiega Vicenzi – se i clienti, in fase di sostituzione, si orienteranno sempre su server fisici, oppure sulla virtualizzazione oppure punteranno su alcuni aspetti di cloud”.

Vicenzi è convinto che la parte del leone, per quanto riguarda questo business, sarà della virtualizzazione, mentre i piccoli avranno ancora un orientamento verso il server fisico. Ma Centro Computer sarà, insieme a Samsung, uno dei partecipanti al prossimo Global Summit marketing and digital che si terrà a fine febbraio, il 25 e il 26 sul Lago di Garda, con uno stand espositivo dedicato alle soluzioni di digital signage.

Cosa si aspetta Vicenzi da questo evento? “Visibilità presso i grandi clienti e presso le grandi agenzie di marketing, quelle specializzate nel realizzare opportunità di marketing con le quali potremmo lavorare ed essere leva verso le agenzie che potrebbero adottare le nostre soluzioni”.

Infine una chiusura sul prossimo Expo a Milano. “Vorremmo portare il messaggio che Expo non è solo a Milano ma in ogni azienda, quindi investire in un miglioramento di immagine”, conclude Vicenzi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore