Clouditalia riparte e sprona i partner a essere proattivi. Corsi, progetti, webinar

News

Clouditalia ha completato il potenziamento a 100 Giga della propria dorsale a due vie che collega Milano a Roma passando per Pisa e Bologna. Un annuncio di soddisfazione per il management dell’azienda che ha presentato la novità durante il Partner Day 2014 a Milano

Clouditalia ha completato il potenziamento a 100 Giga della propria dorsale a due vie che collega Milano a Roma passando per Pisa e Bologna. Un annuncio di soddisfazione per il management dell’azienda che ha presentato la novità durante il Partner Day 2014 a Milano. Di soddisfazione perché due anni e mezzo fa, la società rilevò il ramo Tlc di Eutelia con conseguenti problemi, sia di prodotti sia d’immagine, ma che ha portato l’azienda a chiudersi in se stessa per circa due anni e rivedere ttuto da capo: eliminando le improduttività e riportando coì l’azienda a vedere, finalmente, dati positivi di bilancio.

Bernardo Marzucchi, Clouditalia
Bernardo Marzucchi

E’ Bernardo Marzucchi, direttore tecnico Cto di Clouditalia, a raccontare questa novità e ricorda come sia stato potenziato l’asset tecnologico. Il traguardo del potenziamento è stato raggiunto dopo tre mesi di lavoro grazie anche alle soluzioni di trasporto di rete in fibra ottica fornite da Coriant, partner internazionale presente in 48 paesi nel mondo. Il potenziamento è stato di oltre 15 mila chilometri di rete proprietaria. “Siamo presenti su man cittadine, aree cittadine raggiungibili con fibra ottica per raggiungere il cliente finale, con infrastruttura di prim’ordine. Inoltre, abbiamo due data center di prossima generazione e stiamo potenziando anche la centrale telefonica Voip”, spiega Marzucchi. Clouditalia, network dorsale

Il network di Clouditalia, così come raccontato durante il partner day, prevede circa 9.200 chilometri di frira terrestre, circa 1.300 km di fibra aerea, 3.400 chilometri di infrastrutture, 1.900 km di Man, 33 Pop. “Abbiamo da poco sancito un accordo con Skylogic per fornire connettività satellitare al cliente finale, un ottimo backup sviluppando acceleratori che rendano affini connettività satellitare a quella terrestre, anche se persistono ancora ritardi. Stiamo ragionando su acceleratori – spiega Marzucchi – per minimizzare la latenza tra il segnale satellitare e terreste e quindi i problemi connessi”.

Oggi con la velocità a 100 giga, la società grazie alla tecnologia di trasporto in fibra ottica DWDM, chi avrà bisogno di trasferire una mole di dati da Roma a Milano e da qui verso il resto del mondo avrà accesso a una rete più performante e totalmente libera da qualsiasi pericolo di congestionamento. Una garanzia che si somma a quella offerta dalla doppia via della rete stessa che permette a Clouditalia di instradare il traffico di rete in qualsiasi momento su uno dei due percorsi in caso di eventuale criticità. “Avere un’autostrada a cento corsie è meglio che averla a 10, per affrontare meglio problematiche legate a picchi di carico”, così sintetizza e riassume Marzucchi, il potenziamento della dorsale da 10 a 100 Giga. Un annuncio di questa portata, dato di fronte a una platea di oltre 200 partner e prospect, ha portato con sé un altro annuncio, quello del partner program. Clouditalia, network dorsale

Francesco Baroncelli, direttore mercato e operations ha ricordato come “i partner siano fondamentali perché producono almeno il 70% del fatturato di Clouditalia e sarebbe folle non valorizzare il sistema dei partner di cui, i clienti, si sono fidati totalmente”, spiega. Ma è Lucio Gamba, direttore marketing di Clouditalia a entrare a gamba tesa nel programma e spiegare ai partner presenti, ai prospect, il ruolo del coinvolgimento.

Gamba ha sottolineato più volte la necessità che i partner ci siano: che chiedano; che facciano formazione, che chiedano corsi di formazione, dato che questi sono finalizzati all’ottenimento della certificazione. Insomma, attenzione ai partner e alla figura della società impostata sulla serietà dei risultati, quasi a volersi togliere di dosso lo spettro di Eutelia. In cima alla piramide c’è il partner program da cui partono tante attività a esso collegate: formazione, marketing, prodotti e gare.

Ma non finisce qui. Gamba precisa che la società è anche disposta a rimetterci del margine per alcune attività e per alcuni partner, purchè gli stessi riescano a utilizzare al meglio questo investimento facendo rendere il business. “Vorrei che i partner ci chiedano i corsi perché sono importanti e altrettanto importanti per ricevere certificazioni e – spiega Gamba – siccome alcuni di questi servizi saranno complessi ci servono persone skillate. A inizio anno partirà il nuovo sito di Clouditalia nel quale ci saranno pagine dedicate ai partner per campagne, lead generation, descrizioni di ciò che fanno i partner, e sarà data loro la possibilità di costruire case history dei clienti. Siate proattivi sulle case history – spiega meglio Gamba ai partner – perché le dobbiamo utilizzare per fare rumore e spingere la voce perché se voi partner farete soldi, anche noi li faremo con voi”.

Lucio Gamba, Clouditalia
Lucio Gamba

Gamba sottolinea che ogni partner ha politiche di sconto in contratto e auspica che questi sconti siano utilizzati nel migliore dei modi, attraverso l’implementazione di lead e comunque, che portino a sviluppi, la stessa Clouditalia è anche disposta a perderci un po’, ma attenzione agli errori perché come sottolinea Gamba, la società potrebbe rifarsi sui partner inefficienti o quelli che ne hanno solo approfittato tagliando o riducendo gli sconti.

Gamba sottolinea come la società abbia una forte focalizzazione geografica, volendo investire con i partner. Infine un punto importante viene sottolineato ai partner: Clouditalia deve costruire servizi che facciano la differenza. “Non possiamo cavalcare segmenti già obsoleti o già presenti sul mercato perché supportati da importanti società, dobbiamo lavorare insieme per trovare servizi che facciano la differenza”, spiega Gamba. Inoltre, per i prospect partner, Gamba sottolinea che per i primi sei mesi di attività e solo per alcuni partner selezionati, saranno sotto il cappello protettivo di Clouditalia.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore