Cobolli Gigli (Federdistribuzione): liberalizzare le promozioni per stimolare i consumi

Mercato
Zebra Technologies lancia SmartSense per il retail
0 0 Non ci sono commenti

Giovanni Cobolli Gigli, Presidente di Federdistribuzione, ha commentato i dati Istat sulle vendite al dettaglio registrati a novembre 2015. Una leggera flessione stimola osservazioni e ipotesi come liberalizzazione delle vendite promozionali per i prodotti non alimentari

Liberalizzare le promozioni per stimolare i consumi. Giovanni Cobolli Gigli, Presidente di Federdistribuzione, è intervenuto dopo la pubblicazione dei dati Istat delle vendite al dettaglio relativi al mese di novembre 2015 che registrano complessivamente una variazione pari al -0,1% nella dinamica delle vendite a valore nel confronto con novembre 2014. Dall’inizio dell’anno le vendite segnano un +0,8% a valore nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente: l’alimentare è a +1,3% e il non alimentare a +0,6%.retail, gdo@shutterstock

Dopo 5 mesi di crescita le vendite al dettaglio a novembre frenano bruscamente per tutte le formule distributive, segnando addirittura nel suo complesso un valore negativo – commenta Cobolli Gigli– Siamo sempre stati molto prudenti nel commentare i dati positivi dell’ultimo periodo, temendo che l’instabile situazione nazionale e internazionale potesse frenare quello slancio. I dati di novembre confermano i nostri timori, e informazioni in nostro possesso fanno prevedere risultati non brillanti anche per il mese di dicembre. Viviamo una situazione nella quale i segnali di risveglio dell’economia nazionale rischiano di non tradursi in nuovi consumi generalizzati (solo il settore dell’auto appare fortemente dinamico), con ciò bloccando il processo di ripresa che non riesce a decollare. Infatti, nonostante il clima di fiducia delle famiglie sia alto, queste ultime preferiscono aumentare i risparmi. Siamo da sempre convinti che solo una decisa e generale ripresa dei consumi delle famiglie potrà stimolare efficacemente la ripresa economica italiana, e in questa direzione vanno dedicati tutti gli sforzi”. Spiega Cobolli Gigli.retail, gdo, gds, negozi@shutterstock

“Ci sono alcune iniziative che possono contribuire a stimolare gli acquisti delle famiglie italiane – continua Cobolli Gigli – Come ad esempio la liberalizzazione delle vendite promozionali per i prodotti non alimentari, un provvedimento utile per i consumatori, che godrebbero regolarmente di offerte convenienti, e per le imprese, che potrebbero gestire al meglio la rotazione e gli stock di assortimento, minimizzando i propri costi e garantendo ai clienti sempre un’offerta aggiornata. Sono iniziative senza alcun impatto economico sui conti delle amministrazioni ma utili a rilanciare una domanda interna poco vivace” conclude il Presidente di Federdistribuzione.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore