Colt porta il servizio gestito SD-WAN a 13 paesi europei

News
0 0 Non ci sono commenti

Conosciuto anche come WAN ibrido, il servizio permetterà ai clienti business di ottemperare alle richieste di rete della futura economia digitale, combinando connessioni dati dedicate con collegamenti di banda larga a basso costo nei rispettivi WAN. L’offerta di Colt è presentata come un servizio di NFV

Colt Technology annuncia l’ampliamento del proprio servizio gestito SD-WAN (Software Defined Wider Area Network) a 13 paesi in Europa. L’espansione includerà ulteriori paesi nel 2017. Conosciuto anche come WAN ibrido, il servizio permetterà ai clienti business di ottemperare alle richieste di rete della futura economia digitale, combinando connessioni dati dedicate con collegamenti di banda larga a basso costo nei rispettivi WAN. L’offerta di Colt è presentata come un servizio di NFV (Network Function Virtualisation) che incorpora elasticità e multi-tenancy on-demand, combinando il software SD-WAN con un server hardware generale aperto e scalabile presso la sede del cliente. Grazie a una gamma di Virtual Network Function di rete e di sicurezza (VFN), Colt rivendica sia l’agilità che il vantaggio economico nel proporre i servizi basati su NFV per i WAN e le filiali accelerando il time-to-service e allo stesso tempo riducendo i costi totali di proprietà (TCO) grazie alla gestione centralizzata per tutte le sedi.  Per le sedi dei clienti che sono “connesse” (direttamente con fibra di Colt) la larghezza di banda si modifica in maniera davvero conveniente: non è questo il caso dei clienti che utilizzano altri network (off-net).

Colt, Data Center
Colt, Data Center

L’introduzione di SD-WAN elimina queste restrizioni, attraverso l’abilitazione di un percorso per l’accesso ad Internet per quelle applicazioni, come le e-mail o la navigazione sul web, che non sono sensibili alla latenza. I clienti possono dunque preservare la capacità dati off-net per app maggiormente business critical. Il risultato finale è che si forma una rete ibrida laddove i dati che non sono business critical vengono riversati verso un tunnel internet garantito, liberando così banda MPLS per dati business critical e aumentando efficacemente la larghezza di banda totale per le sedi aziendali. I dati trasmessi attraverso Internet sono messi in sicurezza utilizzando i tunnel IPSec ed il cliente è libero di utilizzare il proprio provider Internet come preferisce. Colt sta utilizzando la piattaforma intelligente SD-WAN per permettere ai propri clienti di indirizzare dinamicamente il traffico dati per gestire, mettere in sicurezza ed effettuare il routing in real time. Questo aspetto può essere configurato sia da Colt che dal cliente.

Stefano Nicastro, Regional Director, Solutions Consulting & Design South Europe di Colt, ha dichiarato: “Il cliente vuole semplicemente una trasmissione sicura e garantita, qualità del servizio per il proprio network, e vuole evitare che la domanda in aumento di capacità per i dati comporti circuiti più costosi. La soluzione sta nell’utilizzare l’internet pubblico per quelle applicazioni che non richiedono una latenza critica, come le email o la navigazione sul web, riservando le reti dati per le applicazioni business-critical e ad ampia larghezza di banda. La sicurezza dei dati su internet è ancora garantita dall’utilizzo dei tunnel IPSec ed il cliente è libero di utilizzare il proprio Internet Service Provider (ISP) se lo desidera”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore