Cometa distribuisce le stampanti 3D Wasp

News
0 0 Non ci sono commenti

In virtù della partnership, entreranno a far parte del catalogo Cometa anche le stampanti 3D della linea Delta, una serie di soluzioni professionali

Cometa ha siglato un accordo per la distribuzione delle stampanti 3D Wasp, azienda italiana che fonda le proprie radici nel mondo dell’opensource e che produce soluzioni di stampa professionali universalmente apprezzate per la loro solidità e innovatività.

In virtù della partnership, entreranno a far parte del catalogo Cometa anche le stampanti 3D della linea Delta, una serie di soluzioni professionali con le migliori performance tecnologiche a livello internazionale, grazie a una velocità di stampa massima di 600 mm/s.Stampanti Wasp

La “piccola” Delta 20×40 offre un’area di stampa massima fino a 200 mm di diametro per 400 mm di altezza ed è, quindi, una soluzione ottimale per la prototipazione rapida di piccoli oggetti e ideale anche in ambito educational.

La DeltaWasp 60×100, invece, grazie a una generosissima area di stampa che arriva fino a 600 mm di diametro per 1.000 mm di altezza, è rivolta a designer, architetti, studi di progettazione e aziende che sono alla ricerca di una soluzione particolarmente flessibile e performante con la quale stampare anche i modelli 3D più impegnativi.

Alla straordinaria varietà di materiali che è possibile lavorare con queste soluzioni, tra cui il PLA, l’ABS, il nylon, i polimeri elastici, il polistirene e il Laywood, con l’ausilio del “Kit opzionale Estrusore Argilla”, compatibile con tutte le stampanti Wasp della linea Delta, si aggiungono poi materiali argillosi quali ceramica e porcellana.

Quello della stampa 3D è un mercato affascinante che deve ancora esprimere il suo vero potenziale. Abbiamo investito molto tempo nella ricerca di un partner tecnologico che fosse in grado di creare nuove tecnologie da proporre ai nostri partner”, ha dichiarato Francesco Filardo, responsabile della business unit Educational di Cometa. “Wasp realizza prodotti 100% Made in Italy totalmente open source, particolarmente idonei alla realizzazione dei laboratori scolastici finanziati dai progetti PON FESR 2014-2020.”

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore