Commvault sprona i partner verso un mercato di novità e non di sostituzione

News

Durante la presentazione di un nuovo programma di canale, affinato dopo la scorsa estate, Commvault rivede certificazioni e obiettivi per i partner, tutti in chiave di novità e gestione dei dati

Il messaggio che i partner devono mettersi in testa è: andare dai clienti e proporre qualcosa di nuovo e non la semplice sostituzione. Proporre novità che possano indirizzare meglio le nuove esigenze a costi differenti da quelli legacy, più bassi.

Così Vittorio Bitteleri, country manager di Commvault in Italia, sprona i partner e il canale a una revisione di se stesso, in relazione proprio a un cambio di programma. “Stiamo ufficializzando un programma di canale e un percorso di certificazioni per rivenditori che vogliono avere un’abilitazione e servizi professionali. I partner, è fondamentale, che non portino un messaggio da business di sostituzione. Il mercato – prosegue Bitteleri – ci offre nuove regolamentazioni ed è un momento storico particolare in cui i dati crescono al di là dell’importanza o dalla dimensione degli stessi e vanno gestiti, si pensi a IoT e salute”.

Vittorio Bitteleri, Symantec
Vittorio Bitteleri

Balza all’occhio l’offerta, la nuova offerta Hyperscale che indirizza attraverso una infrastruttura scalare e orizzontale con uno spazio storage che che va a mantenere performance elevate, tempi certi e costanti. Si ricordi, infatti, che Commvault è specializzata in data management. “Il cloud, che era visto con diffidenza, oggi è visto diversamente anche per fare backup e disaster recovery, il cloud diventa una commodity. Commvault inventa un’unica console la quale può rispondere a diverse esigenze di gestione di cloud. E’ questo il messaggio che voglio si porti alle visite dai clienti”. Commvault ha diviso il territorio con venditori e ogni risorsa commerciali porta con sé una figura di pre vendita. Bitteleri è contrario a delegare alla distribuzione iniziative particolari, ma preferisce che le soluzioni siano più mature, attraverso esperienze e partendo con una macchina pronta all’uso.

Vincenzo Costantino

Vincenzo Costantino, Emea South technical services director di Commvault, sottolinea la nuova offerta Hyperscale, già pronta anche per essere venduta da parte dei partner. Costantino resta sull’offerta Hyperscale e precisa come questa offerta “sia differente. Se fino a ieri i dati venivano scritti direttamente nello storage, riempito il silos, bisognava acquistarne un altro e così via, pensando anche al carico di personale che avrebbe dovuto gestire tutti i silos, quindi parecchi soldi da investire. Hyperscale per storage cambia approccio: sostituzione di storage con una batteria di server, comprando lo spazio che serve”.

I vertici di Commvault hanno parlato anche di Gdpr. “Ci siamo concentrati sul diritto all’oblio – spiegano – Commvault indicizza tutti i dati garantendo un immediato diritto all’oblio”.
Commvault ha lanciato un nuovo programma di canale, il Service Advantage program che offre certificazione ai partner per servizi professionali e per riconoscere competenze e premiare chi ha competenze progettuali. Tre livelli di partnership con gli authorized che non hanno bisogno di certificazioni, i premiere (2+2+1) commerciale, prevendita e solution architect e i market builder che devono avere tre certificazioni nel commerciale, tre nella prevendita e due architect.

Vuoi partecipare al ChannelWatch 2018 di Context? Premi qui e inizia il breve questionario

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore