Compy Superstore, la nuova sfida di Cdc

News

Con un investimento superiore ai 30 milioni di euro, Cdc lancia il progetto che prevede la realizzazione di una catena di punti vendita specializzati in tecnologia elettronica.

Cdc ha deciso di entrare nel mercato della vendita al dettaglio di prodotti di elettronica, sfidando apertamente una agguerrita concorrenza, che ha come protagonisti realtà come MediaWorld, già saldamente attive sul territorio. Con l’inaugurazione del nuovo Compy Superstore di Savignano sul Rubicone in provincia di Forlì Cesena, lancia una nuova sfida al mercato, avvalendosi della sua esperienza ventennale nel mondo dell’elettronica di consumo.
Il progetto prevede un investimento di oltre 30 milioni di euro, escluso gli eventuali investimenti per l’acquisto di immobili, e punta all’apertura di negozi con superfici di vendita superiori ai 2.000 metri quadri. Il piano industriale da qui al 2009 prevede l’inaugurazione di una quindicina di superstore distribuiti su tutto il territorio nazionale. Entro la fine dell’esercizio 2005 verranno aperti altri due punti vendita a Pontedera (Pisa) e Mestre (Venezia). “?Lo start up del nuovo progetto Superstore nel secondo semestre 2005 e l’ampliamento della nostra offerta in tutte quelle aree convergenti con l’information technology – ha dichiarato Giuseppe Diomelli, presidente e fondatore di Cdc – ci consentirà di consolidare la nostra presenza nel mercato retail e ampliare la clientela di riferimento”.
Oltre ai prodotti dei maggiori vendor internazionali, nei Compy Superstore saranno presenti i molti prodotti marchiati Cdc. Tra cui computer fissi, notebook, monitor e accessori con configurazioni sia per uso professionale che per l’home entertainment.
L’obiettivo è raggiungere il break even di Ebitda già dal prossimo anno, con ricavi a regime compresi tra 200 e 250 milioni di euro.