Consip: Basta tempi lunghi per le gare pubbliche

Strategie

Videointervista – Domenico Casalino, amministratore delegato di Consip, sostiene che servano contratti standard per accelerare i tempi delle gare pubbliche perché se la Pubblica Amministrazione deve innovare non più aspettare mesi o anni. Ne soffrono vendor e partner, oltre che farne le spese i cittadini

I tempi lunghi per le gare pubbliche sono da sempre ostacoli per vendor, partner e system integrator che lavorano con la Pubblica Amministrazione (per non parlare del problema legato ai crediti che molte aziende vantano nei confronti della PA).
Il cloud è una opportunità per la pubblica amministrazione per rinnovare i propri processi creando innovazione, con ricadute importanti per il paese. E’ il pensiero di Domenico Casalino, amministratore delegato di Consip, che ritiene necessario lo sviluppo della PA per generare innovazione al Paese.  “Per la Pubblica Amministrazione la transizione al modello di servizi è critica perché richiede un adeguamento e un percorso da seguire e regole di amministrazione. Le gare Consip hanno tempi che vanno oltre le aspettative. Il contributo che possiamo dare come centrale di committenza nazionale, partecipando anche  ai 6 tavoli dell’agenda digitale, è quello di predisporre contratti standard con cui le amministrazioni possono dotarsi di servizi in maniera efficiente in percorso di standardizzazione e qualificazione dell’offerta. Ciò che tipicamente ostacola è la lunghezza della procedura di gara che contrasta con l’idea stessa di innovazione.  Non si possono aspettare mesi o anni, quando serve innovare subito. L’ostacolo si supera con un contratto per adesione dove una amministrazione può acquistare in due ore a valle di una gara fatta dalla Consip”.
Chiaro e diretto. Nella videointervista i dettagli anche sull’Agenda Digitale, che “punta direttamente agli obiettivi da raggiungere e non al come, che sarà analizzato in una seconda fase”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore