Cresce la musica digitale ma la pirateria non d

News

Nel 2008, secondo il rapporto 2009 di Ifpi i download illegali hanno costituito il 95% della fruizione di brani. Le vendite globali di musica digitale sono cresciute del 25%

Cresce il mercato della musica digitale ma anche la pirateria.

Nel 2008, secondo il rapporto 2009 messo a punto da Ifpi (International federation of the phonographic industry), i download illegali hanno costituito il 95% della fruizione di brani attraverso la rete. In generale, le vendite globali di musica digitale sono cresciute del 25%, per un valore complessivo di 3,7 miliardi di dollari.

Le nuove piattaforme digitali ricoprono oggi il 20% di tutto il mercato discografico (crescita del 15% rispetto al 2007) con le aziende discografiche che hanno adottato nuovi modelli di business stringendo accordi con partner del settore dei contenuti digitali.

E’ cresciuto di circa il 25% il download dei singoli brani (1,4 miliardi file scaricati nel 2008) e del 36% l’acquisto online di album digitali, con il primato a livello mondiale per la canzone “Lollipop” di Lil Wayne (9,1 milioni di download) e per “A te” di Jovanotti in Italia. Ma nonostante la considerevole crescita del settore digitale, l’industria discografica continua a dover fare i conti con il fenomeno della pirateria.

Sono stati oltre 40 miliardi i file scaricati illegalmente lo scorso anno, e il rapporto auspica una più incisiva collaborazione con i fornitori di servizi online (gli Isp, Internet service providers) al fine di diffondere una maggiore cultura della legalit

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore