D-Link studia il mercato

Strategie

Buoni i risultati del 2009. Focus su retail, telco e videosorveglianza. Ma il canale della distruzione deve rinnovarsi secondo Stefano Nordio, vice president D-Link Sud Europa

“Nonostante le difficoltà del mercato, ma soprattutto la sofferenza del canale distributivo, devo dire che abbiamo rispettato quest’anno le stime fatte prima dello scorso Natale, e siamo in dirittura d’arrivo per chiudere dicembre con una crescita annua del 24% in Italia rispetto al 2008”. Stefano Nordio, vice president D-Link Sud Europa, ha impostato una politica di sobrietà e riduzione dei costi operativi quest’anno, voluta a livello mondiale dal gruppo taiwanese, cercando di ottimizzare i contratti con la distribuzione e il lavoro della sua struttura, distribuita sugli uffici di Roma e di Milano. “Senza operare riduzioni di personale”.

Stefano Nordio, vice president D-Link Sud Europa

In Italia, il 10% della crescita si deve al trade soprattutto in ambito consumer, mentre il canale di e-commerce  raccoglie ad oggi introiti ridotti, per poca maturità e ancora scarda identità. “Nel 2009 abbiamo ottimizzato alcuni contratti andati a regime con grandi catene, come Euronics e Trony, stimolate a investire sul modello dell’abilissimo Bernasconi che ha saputo rinnovare il canale con le sue catene MediaMarket (MediaWorld e Saturn). Invece, i grandi distributori europei si sono dimostrati con i piedi di argilla ed è arrivato il momento che il canale rimetta mano alla supply chian e dia vita a realtà più dinamiche. Questo processo è già iniziato presso alcuni distributori ma vedremo i risultati nel medio periodo”. 

Il canale consumer pesa il 38% sul fatturato a D-Link, ma un notevole 40% è legato alle telco, grazie a contratti di fornitura con i principali carrier nazionali (Wind, Telecom, Tiscali).  “L’ambito telcom ci ha confermato come partner privilegiato – precisa Nordio –  e gli operatori apprezzano il valore dei nostri prodotti, ma anche i servizi in fase di pre e post vendita. C’è una collaborazione molto profonda con queste realtà”.

Il lavoro con partner che veicolano soluzioni a più alta tecnologia, in ambito PA e sanità (Consip è un cliente, così come Poste Italiane), conferma la prossimità con circa mille partner più professionali.  Non si esclude che parte di questi possano essere interessati anche a veicolare le soluzioni di sorveglianza su IP, un mercato che sta nascendo ora e che può offrire al canale opportunità di rinventarsi su prodotti a maggiore marginalità. “Ad oggi la videosorveglianza tradizionale è proposta da elettricisti, in futuro la sorveglianza su reti IP prevede le competenze di chi lavora sull’ingegneria delle reti” sostiene Nordio. D-Link lancerà 22 prodotti in questo ambito, a parte dal primo trimestre 2010, con l’intento di fare crescere il peso del fatturato di questo comparto fino al 10%. “Daremo formazione al canale e ci concentreremo sulla sua marginalità” precisa.

Le previsioni per il 2010 sono di crescita, pur conservativa rispetto al 2009: Nordio punta a registrare un + 14% e spera che le dinamiche delle acquisizioni e fusioni del mercato possano lasciare scoperti ambiti in cui operare anche con l’offerta di networking. L’acquisizione di 3com da parte di HP potrebbe essere uno di questi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore