Dalla digital enterprise non si torna indietro. Sulla bilancia i Big Data

News
0 0 Non ci sono commenti

I Big Data, se ben gestiti e ottimamente sfruttati, rappresentano un patrimonio considerevole per le aziende. Un vantaggio enorme per diventare quello che il business richiede . Una panoramica da considerare in ambito digital enterprise

L’era della digital enterprise è iniziata, nessuno può fare più passi indietro, perché ci si è immersi.

I Big Data, se ben gestiti e ottimamente sfruttati, rappresentano un patrimonio considerevole per le aziende. Un vantaggio enorme per diventare quello che il business richiede. Si pensi che i volumi di dati immagazzinati dalle aziende sono enormi, di tipologie differenti, e provenienti da fonti diverse.

Dati che, raccolti e archiviati, possono essere trasmessi da ogni cosa ad ogni dispositivo Web, mobile e Pos rappresentando un valore di cui le imprese sono consapevoli e da cui è possibile generare nuove opportunità di business.

Per farlo, occorre selezionarli, sapere dove risiedono, come fare per renderli fruibili e condivisibili.

Le aziende che possiedono una visione innovativa delle strategie digitali e dei modelli di business sono in grado di farlo, sfruttando anche l’Internet of Things, che oggi già vale la considerevole cifra di 2 triliardi di dollari ogni anno.Infografica, SoftwareAG BigData

“La capacità di individuare opportunità nell’immediato e reagire in maniera quasi real-time erano concetti lontani e applicabili solo in un’ottica futura” commenta Monica Stamerra, Marketing Executive di Software AG Italia. “Questo è divenuto oggi possibile e reale: le aziende più innovative sono consapevoli delle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie, il cui limite è solo l’immaginazione, e hanno la possibilità di trarre da queste vantaggi di business che anni fa risultavano impensabili. Pensiamo, ad esempio, all’utilizzo delle analisi predittive in ambito retail: è possibile oggi determinare quando un concorrente sta abbassando i prezzi e quindi attuare strategie tattiche in risposta, oppure ricevere delle notifiche in tempo reale nel momento in cui il numero di articoli presenti sui diversi scaffali scende al di sotto di una certa soglia e agire di conseguenza.”

 

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore