Dati a rischio?

News

Da una ricerca commissionata da Quantum, i dati aziendali non vengono adeguatamente archiviati, ma i budget rimangono sempre gli stessi.

Un grido d’allarme che però non viene confortato da maggiori investimenti per migliorare la capacità di archiviazione. E questo ciò che emerge da una ricerca realizzata dalla società britannica Winmark per conto di Quantum in Gran Bretagna, Germania e Francia. Secondo la ricerca, solo il 35% degli interpellati si è detto sicuro che l’architettura in uso sia appropriata e possa gestire anche la crescita di dati prevista. Nonostante ciò, e sebbene si preveda che i volumi da archiviare possano raddoppiare nei prossimi tre anni, gli utenti aziendali hanno risposto che il budget non verrà incrementato e potrà anche subire variazioni verso il basso. Se è vero, emerge dalla ricerca, che le imprese di maggiori dimensioni, generalmente risultano meglio protette, è altrettanto vero che solo la metà di esse ritiene di avere una adeguata copertura storage. Questa ricerca è chiaramente un campanello d’allarme per le società e dimostra l’importanza di investire in potenti sistemi per la protezione dei dati ha dichiarato Paul Dunford, managing director Emea di Quantum storage solutions group – in grado di offrire la capacità e la velocità necessarie per gestirne la crescita. In Quantum, progettiamo sistemi che offrono scalabilità, semplicità di gestione e integrazione, proteggendo al contempo gli investimenti preesistenti in hardware, software e procedure operative per il backup. Chi vuol ascoltare..