Distribuzione? Più no che sì

Strategie

distribuzione

I risultati non brillanti che arrivano da Intel, Amd, Esprinet (che registra performance in calo nel secondo trimestre, rimanendo per con un saldo positivo nei primi sei mesi dellanno), Opengate, dove alcuni analisti finanziari ipotizzano che per vedere lutile si dovr aspettare lesercizio 2002/2003, e molte altre societ che hanno a che fare con il mondo della distribuzione e del pc evidenziano una tendenza secondo cui lauspicata ripresa del mercato dei pc nel secondo trimestre dellanno non c stata. E che questa non c stata nemmeno fuori dai confini lo conferma anche Idc dove rileva che le vendite di pc relative al secondo trimestre nellarea Emea sono diminuite del 2,2% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Risulta estremamente negativo il comparto consumer, con un maggio da dimenticare, mentre si salva il comparto aziendale, soprattutto quello legato alle pmi. Guardando tuttavia il primo semestre 2002 viene evidenziato come ci sono attori della distribuzione che continuano a prosperare. O altri che stanno utilizzando il 2002 per costruire basi solide per affrontare il mercato quando ripartir. Per esempio Actebis, rispetto al primo semestre dello scorso anno, ha registrato una crescita vicina al 16%, con un obiettivo di crescita finale per lanno in corso che dovrebbe risultare superiore al 20%. Sul fronte delle acquisizioni c da segnalare lacquisto da parte di Esprinet di Pisani Distribuzione. Questa consentir a Esprinet gi nel 2003 di poter contare su un fatturato di circa 140 milioni di euro, con una crescita del 15-20% rispetto alla contribuzione generata nel 2002. Ma i cambiamenti nei primi 180 giorni dellanno riguardano anche distributori importanti e quotati in Borsa. E infatti cambiato lassetto societario di Tecnodiffusione. La quota azionaria di Luciano Panichi (50,15%) scesa al 36,09%. Il 24,19% di Tecnodiffusione fa ora capo a un consorzio composto da Euromobiliare Sim e da Interbanca mentre la restante parte della parte azionaria – il 39,72% – rappresenta il flottante. A seguito di questa operazione, la societ diventa contendibile e potrebbe diventare interessante per altre aziende del settore. Ma questa solamente una mia ipotesi. Per i fatti dovremo aspettare i prossimi 180 giorni.