Mercato

Canalys 2015: le idee che contano non mollano il canale

Steve Brazier
0 0

Barcellona – Internet of Things, l’informatica, la stampa 3D e l’idea economy, sono alcuni dei temi caldi che sono emersi nel corso dell’ultima edizione di Canalys Channels forum 2015. Non sono mancati annunci come il lancio del Partner Portal unificato in Emea di Lenovo e le strategie di Dell, nonchè la presenza in carne e ossa di Meg Whitman (Hp Enterprise)

Internet of Things, l’informatica, la stampa 3D e l’idea economy, sono alcuni dei temi caldi che sono emersi nel corso dell’ultima edizione del Canalys Channels forum di Barcellona.

 Le idee non mancano

Oltre mille partner di canale emea hanno affollato le sale dell’evento. Come ha ricordato Rachel Lashford, Vice Presidente per l’analisi di Canalys, molti hanno aspettative sulle promesse dell’Internet of Things, ma anche dai cambiamenti strtuturali nell’information technology. Meg Whitman, Chairman, Presidente e CEO di HP Enterprise, ha sottolineato di nuovo il concetto di idea economy, ossia la necessità di trasformare un’idea in un nuovo prodotto o in un’industria, come del resto ha fatto con lo split nelle due HP che dal 1 novembre vedranno la luce.

Meg Whitman e Steve Brazier, Canalys 2015
Meg Whitman e Steve Brazier

Whitman parla di velocità di capacità di sfruttare il tempo per tadurre le idee in realtà e dichiara che HP è pronta a concentrarsi sulle opportunità e sulle relazioni con i partner. Di parere simile ma con qualche distingue è Dion Weisler, Executive Vice President, Printing and Personal Systems, Hp che afferma sì alla velocità, ma non è l’unico fattore vincente. “Le tecnologie come l’informatica immersiva e la stampa 3D giocheranno un ruolo più importante nell’accelerazione al cambiamento delle imprese”, afferma. “La tecnologia abiliterà clienti e dipendenti ad intensificiare le attività. I partner di canale sono fondamentali per offrire queste nuove esperienze. Con una rinnovata attenzione per l’innovazione, HP sta mettendo il canale al centro del modello di business”, ha dichiarato.

Le ragioni dei vendor

Negli ultimi 12 mesi, Lenovo si è trasformata in una società diversa, con tre motori di crescita chiari: PC, mobile ed enterprise. Il tutto supportato da una continua focalizzazione sul miglior equilibrio tra innovazione ed efficienza in tutta la nostra attività”, ha dichiarato Gianfranco Lanci, Presidente Corporate e Chief Operating Officer di Lenovo Group.La nostra diversità si traduce in maggiori opportunità per i nostri partner e in un mercato altamente competitivo come quello attuale, i partner dovrebbe lavorare con vendor che possano dare il valore migliore end-to-end e opportunità per far crescere il business”. “Le nostre ambizioni in Emea sono di continuare a guidare acquisizioni di nuovi clienti e accelerare la crescita e le opportunità per i nostri partner e stiamo investendo per farlo. Siamo una società di canale focalizzata e la nostra crescita è quella dei nostri partner di canale”, dice Eric Cador, Presidente Emea e Svp a Lenovo Group. Per saperne di più leggi anche l’intervista rilasciata a ChannelBiz da Filippo Praticò, VP South Emea Lenovo.

La visione di Cisco

Gianfranco Lanci
Gianfranco Lanci

La sicurezza è un fattore critico per alcuni clienti ei partner hanno l’opportunità di esere proattivi nella gestione di questi rischi. “Nel mondo di oggi, la sicurezza significa  essere in grado di crescere il  business in modo sicuro proteggendo anche l’infrastruttura, i dipendenti e la proprietà intellettuale”,  ha detto David Goeckeler, SVP / GM, Cisco Security Business Group. ‘Un approccio minaccia-centric è fondamentale per proteggere tutta la rete estesa e per sbloccare le possibilità proposta dalla prossima ondata di Internet”.

La privatizzazione secondo Dell

La privatizzazione può essere un sollievo, come epr esempio per Dell. Dall’intervista rilasciata a ChannelBiz, Adolfo Dell’Erba, channel and mid market director di Dell Italia, spiega alcuni passaggi della strategia di canale.

 

Un canale frustrato

Ecco il commento di Steve Brazier che spiega le otto frustrazioni

I mille volti dei rivenditori

Secondo gli esperti che si sono susseguiti sul palco di Barcellona i rivenditori dovrebbero cambiare pelle: da partner a business partner, propositivi e affidabili. Ecco come dovrebbero cambiare

L’affare Dell-Emc

E per finire l’indiscrezione che si è poi rivelata reale…