Strategie

Canalys 2016: Digital First per stare al passo con la storia

Steve Brazier, Canalys
1 2

Ecco alcuni spunti che sono emersi durante l’ultima edizione Emea di Canalys Channels Forum 2016 tenutasi a Barcellona (Spagna). L’anno prossimo l’evento Emea si terrà in Italia, a Venezia. Ecco le considerazioni di Lenovo, Hpe e DellEmc

Le parole Digital First dominano l’agenda di ogni settore. Il settore finanziario è gestito da algoritmi, con massicci investimenti in corso per sviluppare blockchains, e le banche di interagire con i consumatori principalmente attraverso le applicazioni. I sensori sono in arrivo in tutti i tipi di apparecchiature, dalle cure sanitarie al trasporto sperimentando una rapida trasformazione. Difficilmente passa giorno senza avere notizie di veicoli autonomi. Il riconoscimento vocale ha raggiunto il mainstream, guidato da un aumento della potenza di calcolo e il progresso nell’apprendimento della macchina. Eppure, nonostante il successo del settore tanto da essere dirompente per le aziende di tutto il mondo, il canale e la maggior parte dei fornitori di tecnologia stanno lottando per la crescita. Questa contraddizione ha portato molte aziende a mettere in discussione i propri modelli di business esistenti e di prendere in considerazione un cambiamento radicale per la crescita. Di questo e di altri temi ci si è interrogati all’edizione 2016 di Canalys Channels Forum a Barcellona.

Lenovo torna a un canale più specializzato in ambito professionale

In ambito professionale il canale Lenovo deve tornare a un concetto di specializzazione. L’idea, lanciata durante l’evento Canalys Channels Forum 2016 in corso in questi giorni a Barcellona, da Mirko Poggi, country manager Italia di Lenovo, porta la società a ripensare l’ambito di vendita più professionale partendo dai manager Lenovo che lavorano direttamente con i partner e via via portare i partner di canale a trovare una loro specializzazione: l’approccio generalista dei partner non è più adeguato al mercato. Clicca qui per continuare l’articolo

Lenovo vuole 5 mila nuovi partner in Emea. Ecco come farà

Con l’obiettivo finale di reclutare, quest’anno, più di 5 mila nuovi partner in Emea, con la consapevolezza che già alcuni passi sono stati fatti, Lenovo introduce novità al suo programma di canale.

Mirko Poggi
Mirko Poggi

Come annunciato da Mirko Poggi, country manager Italia di Lenovo, durante l’edizione 2016 di Canalys Channels Forum, i partner possono beneficiare di alcuni miglioramenti, tra cui l’introduzione di una nuova categoria di partner “entry level”, dei programmi di incentivazione incrementali, la possibilità di fornire prezzi istantaneamente ai distributori per offerte anche molto piccole e nuove certificazioni relative alle soluzioni DCG (Data Center Group). Clicca qui per continuare l’articolo

DellEmc, un solo canale a partire dal 1 febbraio 2017

Dal 1 febbraio 2017 Dell e Emc diventeranno a tutti gli effetti Dell Technologies. Dopo aver ricevuto i ‘nullaosta’ dell’Antitrust e una prima grande consacrazione a settembre, che ha definito la nuova realtà (si veda il reportage su TechweekEurope.it) ora si prepara l’ultimo step di un processo di integrazione che ha appassionato analisti, vendor, partner, economisti, e che proprio durante il Canalys Channels Forum 2015 arrivò la notizia dell’acquisizione di Emc da parte di Dell. Oggi abbiamo scoperto qualcosa di più.

Michael Dell
Michael Dell

Michael Dell, chairman del board, ceo di Dell Technologies, oggi era sul palco di Barcellona e ha sottolineato come negli ultimi tre anni l’azienda abbia investito 12.7 billion dollar in ricerca e sviluppo e ha piani di investimento in R&D di 4,5 billion dollar annuali da qui in avanti. Clicca qui per continuare l’articolo

I top partner Hpe avranno laboratori demo

I top partner di Hpe potranno decidere di aprire laboratori attraverso i quali supportare i clienti che necessitino di demo o di visite ad hoc per la dimostrazione di una determinata tecnologia o per toccare con mano la stessa tecnologia. I top partner potranno decidere di investire o anche di essere ‘aiutati’ dalla stessa Hpe che potrà mettere a disposizione fondi di marketing. I clienti dei top partner, ma anche degli altri partner, potranno accedere ai laboratori che dovranno rispettare standard specifici sia dal punto di vista tecnologico sia dal punto di vista degli spazi fisici che ospiteranno i laboratori.

HPE, la strategia della trasformazione

Secondo quanto risulta a ChannelBiz.it, anche alcuni top partner italiani si sono fatti avanti interessati all’idea. Stiamo vivendo un periodo di trasformazione, la digital transformation è diventata realtà, così come molti prototipi che si sentivano solo annunciati durante le edizioni passate di Canalys Channels Forum, e non solo, oggi sono diventate realtà. Basti pensare allo split di Hp in Hpe e Hp Inc, la prima sempre più orientata alla realtà locale, e alle novità lanciate sul mercato, con uno spirito più sartoriale, oppure Amd, incontrata a Barcellona, che sta abbracciando sempre di più un concetto di ‘realtà aumentata’ con tecnologia ad hoc, ma senza lasciare il mercato dei Pc che resta sempre il loro core business. Clicca qui per continuare l’articolo