E-commerce: aziende in crescita del 36% del 2007

Strategie

Questa la situazione italiana paragonata al 2006 e fotografata dalla Camera di Commercio di Milano. Lombardia, Lazio e Campania le regioni regine delle vendite online

Erano 3.422 le imprese del commercio elettronico attive in Italia a fine 2007, in crescita del 36,6% rispetto al 2006 e del 429,7% se confrontate con il 2004. Ecco quanto emerge da un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano sui dati del registro imprese, valutati al quarto trimestre degli anni 2007, 2006 e 2004 e gennaio 2008, e da un’elaborazione su dati Istat 2007.

Lombardia e Lazio sono le regine delle vendite online, rispettivamente con il 17,2% (+445,4% in tre anni, +36% dal 2006) e il 13,5% (+571% in tre anni, +35,8% dal 2006) del totale italiano di settore. Le due regioni sono seguite dalla Campania (9,4% nazionale, +517,3% in tre anni, +45,9% dal 2006). Tra le province, prime Roma con 381 imprese, Milano con 314 e Torino con 169. Le crescite più rilevanti in un anno si sono invece registrate a Teramo (+200%), Cosenza (+155,6%), Isernia e Vibo Valentia (+150% ciascuna).

A comprare online sono soprattutto gli uomini (27,2% contro il 17,2% delle donne) e i giovani tra i 25 e i 34 anni (27,6%). Ma va sottolineato che anche un over 75 su otto (7,7%) si rivolge a Internet per i effettuare acquisti. Viaggi e soggiorni turistici (35,1% di chi compra online), libri e riviste (25,4%), abiti e articoli sportivi (23,3%), film e musica (23%) sono i beni che più frequentemente vengono acquistati online. Più in particolare, film e musica sono gli articoli verso cui si indirizzano i giovanissimi, abiti e articoli sportivi i diciottenni, viaggi e hardware gli acquisti online dagli over 75. E se il 52,4% di chi compra film e musica si fa spedire per posta o corriere il proprio acquisto, il 47,4% di chi acquista software per computer scarica tali programmi a pagamento dalla rete.

I più “navigati” dello shopping on-line sono i lombardi (22% di tutti gli italiani che comprano su internet), seguiti da veneti (9,9%) e piemontesi (9%).

Le imprese del commercio online sono per il 71,7% ditte individual
i. Nel 73,6% dei casi il titolare ha meno di 40 anni, è quasi sempre italiano (92,1%) e il 26,6% delle volte donna.

Entrando più nel dettaglio, in Lombardia erano 589 le imprese del commercio elettronico attive nel 2007, in crescita del 36% dal 2006 e del 445,4% dal 2004. Milano è la regina della vendita online con 314 imprese attive, il 53,3% del totale regionale, in crescita del 43,4% dallo scorso anno. Seguono Varese (67 imprese, +17,5 dal 2006, 11,4% del totale lombardo) e Brescia (44, +41,9%, 7,5% del totale lombardo). Dal 2006 le crescite percentuali più rilevanti si registrano a Lecco (+114,3%), Sondrio (+66,7%), Cremona (+54,5%).

Sono stati oltre un milione e cento mila i lombardi che hanno comprato merci e servizi online, rappresentando il 22% del totale italiano che fa acquisti su Internet e quasi un internauta lombardo su tre. I beni e i servizi più acquistati? In primo luogo viaggi e soggiorni turistici (39,7%), poi libri e riviste (24,5%) e biglietti per spettacoli (23,2%). Un lombardo su cinque ricorre a Internet per acquistare film e musica e per il 59,2% preferisce scaricarli a pagamento con download piuttosto che riceverli per posta.

Non rinunciano, invece, al piacere di sfogliare le pagine i lombardi che comprano online libri e giornali: l’83,5% sceglie infatti la consegna postale.