E’ l’ora delle Smart Tv, per ora solo in Oriente

News
smart tv

Secondo una ricerca Gfk svolta in 13 paesi sull’utilizzo delle opportunità offerte dalle smart Tv, risulta che Cina e Sud Corea sono più avanti rispetto ad alcuni paesi europei e gli Stati Uniti

L’Europa Occidentale è ancora analogica, a differenza dell’Asia, dove gli spettatori sono più interessati ai cosiddetti Tv intelligenti che integrano funzioni e servizi legati a internet.

Sono questi, in sintesi, i risultati che Gfk ha presentato all’Ifa, in corso in questi giorni a Berlino. La ricerca è stata condotta in 13 paesi e ha riguardato le opportunità offerte dalle smart Tv e sul grado di utilizzo. Le smart tv sono tv intelligenti che integrano funzioni e servizi legati a Internet.

Dai risultati emersi, Gfk rileva che se la Cina, il Sud corea, hanno percentuali alte di utilizzo delle funzioni smart Tv, rispettivamente del 44% e del 18%, Spagna e Germania, con l’8% e i Paesi Bassi, con il 5%, si collocano fanalini di coda. In particolare, gli spettatori dei cosiddetti paesi emergenti, come Cina, India e Brasile sfruttano maggiormente i contenuti interattivi delle smart tv a differenza di paesi europei come Regno Unito (11%) o gli Stati Uniti (11%) e la Germania con l’8%. A livello globale, solo il 28% degli spettatori ha dichiarato di trovare più interessanti i programmi interattivi (42% in Brasile, 61 in Cina, 59% in India, contro il 16% nel Regno Unito, il 18 negli Stati Uniti e 15 in Germania.

Secondo la ricerca Gfk, in tuti i paesi in cui si è svolta la ricerca, in fase di processo di acquisto da parte dei consumatori, la funzione di connessione Internet risulta meno importante di altri fattori quali prezzo, dimensioni dello schermo e tecnologia del display.

La presenza della funzione smart Tv sembra essere meno importante in Occidente rispetto ad altri paesi del mondo: solo il 26% dei consumatori del regno Unito e il 29% degli Stati Uniti affermano di fare attenzione che l’apparecchio Tv abbia la funzionalità di navigazione nella rete, contro il 61% dei consumatori in India e il 64% in Cina.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore