Esprinet apre le porte al settore del ‘bianco’

News
1 5 Non ci sono commenti

Alessandro Cattani, amministratore delegato del gruppo Esprinet annuncia lo sbarco nel mondo del ‘bianco’ e l’ampliamento dei magazzini e dichiara di essere pronto a cavalcare l’onda della ‘casa intelligente’

C’è del ‘bianco’ che sta arrivando in casa Esprinet. Il distributore ha ufficialmente chiuso l’acquisizione di Edslan, ma si sta già preparando ad aprire la porta anche a un altro settore, quello del bianco (elettrodomestici, ecc.).

Da qui al mondo della smarthome, il passo potrebbe essere apparentemente breve, ma non è detto veloce, dato che secondo uno degli ultimi sondaggi condotti da Context su un campione di 2500 consumatori ha rivelato che l’Italia è ancora fanalino di coda in Europa sulla casa intelligente e, proprio per questo, dovendo rincorrere altre nazioni europee già più pronte come la Germania, il Regno Unito la Francia e la Spagna, servirebbe un’accelerazione proprio in questo senso. Come ha fatto notare Alessandro Cattani, amministratore delegato di Esprinet, “non si sa ancora quando il fenomeno esploderà, certo è che dobbiamo farci trovare preparati perché il treno, quello giusto, non passa sempre”.

Alessandro Cattani, Esprinet
Alessandro Cattani, Esprinet

Con Edslan le cose vanno bene, Cattani è positivamente impressionato da come la società gestisca gli affari interni ed esterni e annuncia la preparazione di spazi negli uffici di Esprinet per ospitare il personale di Edslan.

Tutto questo dovrebbe essere imminente, a maggio 2016. Il gruppo Esprinet si porta in casa EDSlan, quindi può vantare nel segmento delle tecnologie complesse, o a valore, una struttura commerciale dedicata di oltre 150 persone, con un fatturato proforma 2015 di circa 300 milioni di euro.

Oltre a queste informazioni, Cattani ha anticipato l’ampliamento di uno dei due magazzini, al fine di raggiungere una metratura sufficientemente ampia tale da poter soddisfare sia il bianco sia quello di Edslan e, fino a quel punto, il magazzino e il pick & pay di Vimercate saranno mantenuti fino a che possa essere attivato il medesimo servizio nel magazzino di Esprinet a Cavenago.

Da un’analisi più puntuale sia di quanto dichiarato da Rodolfo Casieri, manager del gruppo Esprinet, con mansioni di sales & marketing in EDSlan, sia da quanto affermato da queste poche battute di Cattani, si evince la volontà di entrambe le realtà darsi una spinta verso mercati più verticali (Edslan) o più semplicemente di crescere per acquisizione esterna e portarsi a casa un segmento di attività non ancora contemplato.

Rodolfo Casieri
Rodolfo Casieri

Dopo la creazione di V-Valley, la legal entity, diventata in breve tempo un player di riferimento nel mondo del Data Center, è arrivata Edslan rafforzando in Esprinet anche l’assetto distributivo delle tecnologie per impiantistica. Infatti, il focus di Edslan sarà sempre più sui mercati attigui alle esigenze degli impiantisti e installatori. In termini di offerta parliamo del mondo del cablaggio, della telefonia e unified communication, della strumentazione per certificare impianti e quello che ha a che vedere con prodotti che possono essere acquistati da rivenditori che lavorano nell’it, così come il mercato del fotovoltaico e degli installatori elettrici.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore