Esprinet, luci e ombre sui primi nove mesi del 2017

News

Il giro d’affari della Sottogruppo Italia di Esprinet (63,2% dei ricavi consolidati) è cresciuto dell’1% ma escludendo in entrambi gli esercizi gli apporti delle società acquisite nel 2016 avrebbero evidenziato una flessione intorno all’1%. Stesso ragionamento per la Sottogruppo Iberica

Secondo le indicazioni di market insight, nei primi nove mesi del 2017 il gruppo Esprinet ha messo a consuntivo ricavi pari a 2.127,6 milioni di euro, in crescita del 10,5% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno. A parità di perimetro di consolidamento si stima che i ricavi netti consolidati sarebbero calati del 3%. Nel dettaglio, il giro d’affari della Sottogruppo Italia (63,2% dei ricavi consolidati) è cresciuto dell’1% ma escludendo in entrambi gli esercizi gli apporti delle società acquisite nel 2016 avrebbero evidenziato una flessione intorno all’1%.

Le vendite della Sottogruppo Iberica (36,7% dei ricavi di gruppo) hanno mostrato un incremento del 30% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente, ma senza l’apporto delle società acquisite nel 2016 il dato avrebbe subito una flessione stimata dell’8%, sebbene il dato sia influenzato da una riorganizzazione dei segmenti di mercato e clientela presidiati dalle società iberiche post operazioni di aggregazione aziendale.

Tech Data fa il bilancio dell'anno
I primi nove mesi del 2017 di Esprinet

Variazione negativa per l’Ebitda, in contrazione su base tendenziale dell’11,1% a 18,2 milioni, con un’incidenza sui ricavi dello 0,9%. Sulla stesso andamento anche l’Ebit, che si è ridotto del 13,8% a 14,6 milioni di euro, con una calo del relativo margine sui ricavi allo 0,69% dallo 0,88%. A parità di perimetro l’utile operativo dei 9 mesi si sarebbe attestato a 10,7 milioni (-18% anno su anno). Il conto economico si è chiuso con un utile netto pari a 8,9 milioni, in diminuzione del 24,3% rispetto a 11,8 milioni del pari periodo 2016. La posizione finanziaria netta puntuale consolidata al 30 settembre è negativa per 141,9 milioni e si confronta con una liquidità netta pari a 105,4 milioni al 31 dicembre 2016. Il peggioramento della posizione finanziaria netta puntuale di fine periodo si riconnette all’andamento del livello del capitale circolante puntuale al 30 settembre 2017 che risulta influenzato sia da fattori tecnici, in gran parte estranei all’andamento dei livelli medi dello stesso circolante, sia dal grado di utilizzo più o meno elevato dei programmi di factoring “pro soluto” dei crediti commerciali nonché dall’operazione di cartolarizzazione degli stessi.

Per l’esercizio in corso il management riconferma il target di ricavi netti consolidati compreso tra 3,2 e 3,3 miliardi e un Ebit compreso tra 34 e 36 milioni al netto di eventi straordinari non ripetibili. Per il 2018 invece il Gruppo ipotizza una crescita dei ricavi in area “low-single digit” per effetto del positivo contributo delle attività italiane e dell’attesa riduzione dei ricavi in Spagna. A livello di redditività si prevede un Ebit compreso tra 39 e 41 milioni. Dati sensibilmente inferiori a quelli previsti inizialmente dal piano al 2018, che ipotizzava per il 2018 un fatturato pari a 3,75 miliardi e un Ebit di 66 milioni.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore