Ferrara (Emc Italia): integrazione Rsa e verifiche sulla distribuzione

Strategie

Michele Ferrara, responsabile del canale Emc Italia, spiega i progetti futuri della società: focus sulla sicurezza, con l’integrazione dei partner e dell’offerta Rsa nel programma di canale Velocity, e sull’operato dei distributori

Emc rinnova Velocity2, il programma di canale attivo in Europa da tre anni, includendo, dal 2010, anche l’ambito della sicurezza e accelera così l’integrazione di Rsa nel proprio portafoglio d’offerta.

Michele Ferrara, responsabile del canale Emc in Italia, precisa che “I partner Rsa entrano nel programma Velocity e l’offering Rsa è aperto a tutti i partner Velocity che avranno la specializzazione security”. Qualche mese fa, Emc aveva dichiarato di non voler più essere definita un’azienda di solo storage e, durante l’Emea Partner Summit di Roma, oltre ad averlo ribadito, seppur indirettamente, ha gettato le basi su alcune novità 2010.

Innanzitutto, la lente puntata sul mondo security, in secondo luogo il rapporto con le società acquisite e i partner e, in terzo luogo, il ruolo della distribuzione.
Il programma di canale Velocity prevede tre livelli di partnership. Partendo dalla cima della piramide – spiega Ferrara – ci sono i solution center partner, di cui al momento non ne abbiamo in Italia ma che vorremmo qualificare; a livello intermedio lo zoccolo duro è formato da 14 premier solution partner e, infine, al primo livello abbiamo 150 affiliate partner. Sia i premier sia gli affiliate sono gestiti direttamente dalla distribuzione. Mentre agli affiliate non chiediamo specializzazioni, ai premier chiediamo la specializzazione almeno in una delle quattro categorie disponibili: consolidation, back up, archive e security. Questo – spiega Ferrara – significa guadagnare certificazioni e chiediamo a questi partner di gestire servizi di primo livello”.

Il partner summit di Roma, tenutosi dal 26 al 28 ottobre, è stato il primo momento ufficiale in Europa dove, presenti i premier solution, i solution center e i distributori, è stato annunciato l’integrazione di Rsa e Data Domain nel programma di canale Velocity2. Resta fuori Vmware, per questioni strategiche, che continuerà a seguire la propria impostazione commerciale. Ferrara ha precisato però che “Data Domain di fatto è già parte del programma Velocity e la sua offerta sostituisce integralmente la nostra area ddedicata alla deduplicazione, che avevamo nel nostro portafoglio fino al mese scorso”.

Un capitolo a parte è dedicato a Iomega. Ferrara spiega che la società “resta una divisione separata all’interno di Emc con una focalizzazione specifica verso il mercato smb, grazie all’introduzione di nuove appliance nas di fascia alta ” – spiega Ferrara.  Su una futura integrazione di Iomega in Emc, il responsabile canale non si sbilancia molto confermando che, al momento, non è prevista alcuna integrazione all’interno del core Emc “ma non è escluso che nella prima parte del 2010 non si lavori per eliminare ogni conflitto”.

Ferrara ha parlato anche della distribuzione.Sono arrivato in azienda a gennaio 2009 – spiega – e mi ripropongo di rivedere l’ambito della distribuzione alla luce degli andamenti di quest’anno. In questo periodo ho incontrato tutti gli attori italiani della distribuzione (tra cui Computerlinks, distributore di punta, insieme a Magirus, per l’offerta Rsa, ndr) per capire meglio le loro attività e voglio ripropormi, entro la fine di quest’anno, di tirare le somme sui risultati e riservarmi delle considerazioni sul futuro”.

Al momento, i distributori sui quali si appoggia totalmente Emc sono Magirus, Avnet ed Esprinet. ”Magirus oggi è il distributore più qualificato per portare l’intera offerta Emc sul mercato perchè ha in portafoglio tutti i brand che ruotano attorno a Emc: da Vmware a Rsa , da Data Domain fino a Iomega. Per quanto riguarda Avnet – spiega Ferrara – vogliamo che acquisisca le specializzazioni di cui, al momento, non dispone in modo da portersi proporre sul mercato con la stessa forza degli altri distributori. Per quanto riguarda Esprinet, valuteremo a fine anno i risultati e rifletteremo”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore