Findomestic stila previsioni d’acquisto al ribasso per i primi tre mesi del 2012

News

L’Osservatorio Findomestic prevede un calo generalizzato degli acquisti nei primi tre mesi del 2012. Scendono Pc e accessori mentre per la telefonia il calo sarà più contenuto

Previsioni di acquisto nei prossimi tre mesi? Meglio sperare in tempi migliori. L’Osservatorio Findomestic afferma che nei prossimi tre mesi, fatta eccezione per un lieve incremento nei piccoli elettrodomestici e nel comparto motoveicoli, sono in calo in tutti comparti: elettrodomestici bianchi, elettrodomestici bruni, auto, cellulari, computer, fai da te,  viaggi e vacanze, abbigliamento e attrezzature sportive, mobili,  acquisto di case e loro ristrutturazione.

L’inversione di tendenza della fiducia degli Italiani in positivo, registrata a novembre, ha trovato conferma nell’ultimo mese dell’anno.  In ogni caso, il valore di riferimento misurato dall’Osservatorio mensile Findomestic  resta basso, e si attesta a quota 3,64 punti (a novembre erano 3,54). Il valore è stato calcolato lungo una scala che va da 0 a 10 e che ha in 7 la sua soglia positiva. A trainare questo recupero è la fascia di popolazione più istruita, che fa segnare un valore di riferimento di 4,42 punti.

A livello territoriale il quadro non è molto omogeneo. Infatti, a fronte d un incremento del Centro (che presenta il grado di soddisfazione più elevato), a Nord-Est si registra un calo.  Il valore continua a essere basso ma il miglioramento del grado di fiducia degli Italiani che aveva fatto seguito all’arrivo, a Palazzo Chigi, di Mario Monti, registra una conferma anche a dicembre.

La propensione al risparmio fa segnare il terzo dato meno elevato dell’anno, con non più del 6,6% degli intervistati che si dice in grado di aumentare la quota di risorse accantonate di qui ai prossimi 12 mesi (il mese scorso il dato era pari al 10,7%, il più alto riportato nel corso del 2011). Infine, in merito alla situazione italiana, la previsione a 12 mesi continua a mantenersi vicina alla soglia di stabilità, seppure in leggero calo sul mese precedente. 

Per restare nel comparto Ict, l’osservatorio stila previsioni in calo per l’elettronica di consumo: scendono le previsioni per Pc e accessori; calo più contenuto nella telefonia. Tra novembre e dicembre sono passati da 11,8 a 7,2 i consumatori che, ogni 100, prevedono di acquistare un personal computer o altro materiale informatico nei prossimi tre mesi. Scendono a quota 6, ogni 100, quanti sono intenzionati ad acquistare prodotti di telefonia, contro i 7,8 di novembre. Per i primi le previsioni massime di spesa sono di 372 euro; per i secondi, si attestano a 204 euro.

Autore: Redazione
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore