Fortinet sposa la sicurezza fisica e virtuale

Strategie

Fortinet ha lanciato quattro nuove appliance virtuali che si abbinano alle soluzioni di sicurezza storiche della società. Si tratta di FortiGate, FortiManager, FortiAnalyzer e FortiMail

Fortinet, notoriamente caposaldo di un mondo fatto di hardware, ha deciso di sposare il mondo virtuale, spostando alcune soluzioni su ambienti Vmware. E’ questa una delle ultime novità che riguardano Fortinet e, in particolare, gli ultimi annunci della società legati al cloud computing con il lancio di quattro nuove appliance virtuali.

E’ Joe Sarno, Regional Director di Fortinet, a dare una spiegazione di questo passaggio. “A tutti gli effetti – spiega Sarno – Fortinet è un’hardware company ma abbiamo scelto questa strada perché crediamo che quando si parla di sicurezza in ambito virtualizzazione si abbia bisogno di entrambe le soluzioni, sia fisiche sia virtualizzate . In questo perimetro, possiamo combinare i due ambienti dando una spiegazione alle imprese che trovano qualche perplessità sulle soluzioni di sicurezza multilivello. Se forniamo un apparato fisico che protegge le l’azienda e all’interno dello stesso perimetro esiste anche una protezione in cloud l’impresa beneficia. Tutto questo – prosegue Sarno – è gestibile da una sola interfaccia sia verso il cliente sia verso il provider che possono così dare strumenti unici. Crediamo di aver fatto un passo in avanti dando maggiore tranquillità a chi vuole affrontare l’ambito cloud senza però togliere i normali rischi e pericoli che il cloud può dare, quando si parla di sicurezza virtualizzata”.

Fortinet ha lanciato FortiGate, FortiManager, FortiAnalyzer e FortiMail, appliance virtuali abbinate alle soluzione storiche, offrono ai clienti una scelta fisica e virtuale, che interagisce per limitare i punti deboli e aumentare i controlli di sicurezza negli ambienti con infrastrutture virtualizzate.

Le appliances virtuali FortiGate e FortiManager sono già disponibili sul mercato mentre FortiAnalyzer e FortiMail sono disponibili nel quarto trimestre 2010.
Le apparecchiature di sicurezza virtuali di Fortinet sono state concepite per l’esecuzione su Hypervisor VMware. Le nuove apparecchiature virtuali FortiGate contribuiscono alla protezione delle infrastrutture di rete con funzioni di sicurezza multi-threat integrate.

In modo analogo a un’apparecchiatura FortiGate tradizionale, un’apparecchiatura FortiGate virtuale protegge l’infrastruttura da una vasta gamma di minacce, consentendo ai clienti di consolidare le tecnologie di sicurezza stand-alone in uso e di ridurre il costo e la complessità della propria infrastruttura di sicurezza. I clienti possono combinare firewall, VPN, soluzioni di prevenzione delle intrusioni, antimalware, sicurezza applicativa e totale protezione dei contenuti, data loss prevention , Web filtering e antispam, usufruendo dell’ulteriore vantaggio di poter ispezionare il traffico tra le varie zone della rete.

Le appliance virtuali FortiGate possono inoltre essere utilizzate in combinazione con le tradizionali apparecchiature FortiGate per garantire che il perimetro e i livelli virtuali all’interno di un ambiente virtuale siano protetti, visibili e facili da gestire.

Le apparecchiature virtuali FortiManager offrono gli strumenti necessari per gestire infrastrutture di sicurezza Fortinet di qualsiasi dimensione, da pochi dispositivi a migliaia di appliances e endpoint clients.
Le appliance virtuali FortiAnalyzer consentono l’aggregazione sicura dei dati di log da dispositivi Fortinet e altri dispositivi compatibili con syslog. Tramite una suite completa di report facilmente personalizzabili gli utenti possono filtrare e analizzare i record, inclusi dati relativi a traffico, eventi, virus, attacchi, contenuto Web ed e-mail, utilizzando il data mining per determinare lo stato della sicurezza e garantire la conformità alle normative.

Le appliances di sicurezza di messaggistica virtuale FortiMail sono state progettate per bloccare spam e malware inbound  prima di interferire con l’attività degli utenti. Impediscono inoltre che, a causa di spam o malware in uscita (incluso il traffico mobile 3G), gli utenti vengano inseriti nelle blacklist da altri gateway antispam.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore