Fujifilm X-T2, c’è spazio per crescere con le mirrorless di pregio

Prodotti
0 0 Non ci sono commenti

Fujifilm propone il modello X-T2 per continuare a crescere nel mercato delle mirrorless, con una fotocamera top, che guadagna nuove possibilità e algoritmi per gestire al meglio l’autofocus, sensore di terza generazione e possibilità di riprendere video in 4K

Lo scenario di mercato delle fotocamere professionali è in evidente contrazione dal 2012 ad oggi. Qualsivoglia comparto si consideri: cala il mercato delle SLR, quello delle ottiche, quello delle fotocamera ad ottica fissa, e un assaggio di segno positivo riguarda invece le mirrorless, segmento su cui Fujifilm si è attestata con decisione, oramai da qualche anno, e che è motivo di soddisfazione, ovviamente con la proposta della serie X. Lo dicono gli obiettivi che si pone l’azienda giapponese che dovrebbe raggiungere entro la fine del 2016 quasi il 20 percento di market share nel comparto, appunto, delle fotocamere senza specchio.

Guglielmo Allogisi, GM Fujifilm Italia
Guglielmo Allogisi, GM Fujifilm Italia

L’Italia, ci racconta Guglielmo Allogisi general manager di Fujifilm Italia, si ritrova in linea con questi dati e va orgogliosa per i quasi 200 esemplari al mese venduti del modello ammiraglia Fujifilm X-Pro2, come della quota di mercato mirrorless del 20-22 percento per numero di pezzi e di circa il 25-27 percento a valore, con una strategia di approccio al mercato rigorosamente indiretta.

L’azienda si rivolge agli esperti, quindi alle catene di fotoamatori, non alla Gdo, mentre online è praticamente disponibile tutto il catalogo Fujifilm su Amazon.it. Quella di Fujifilm è un’offerta di qualità, per un pubblico esperto, che potrebbe meritare anche di più, magari conquistando altre fette di mercato con offerte intelligenti di ‘competitive upgrade’, o con la proposta di più modelli di fascia intermedia. Questi sono i giorni del lancio di Fujifilm X-T2, ma così come dopo il modello Fujifilm X-T1 è arrivata la proposta intermedia X-T10, logica vuole che presto dovremmo vedere sul mercato anche una Fujifilm X-T20. Torniamo al presente.

Arriva Fujifilm X-T2

La mirrorless X-T2 è la nuova proposta  della casa giapponese (a circa due anni di distanza dall’importante Fujifilm X-T1) per quanto riguarda il suo portafoglio di fotocamere digitali ‘senza specchio’ e, con il modello X-Pro2 – la fotocamera con il mirino che somiglia a un telemetro –  Fujifilm X-T2 si colloca ora al top della gamma: mentre la prima fotocamera trova terreno ideale di utilizzo nella fotografia di strada documentaristica, la seconda – nuovo annuncio – nella fotografia sportiva e naturalistica.

Rinnovata nel design, che richiama sempre di più quello delle fotocamere tradizionali (vogliamo chiamarle reflex?), Fujifilm X-T2 si presenta con un corpo ancora più leggero in lega di magnesio e compatto rispetto alla generazione precedente, sigillato in 63 punti e resistente a polvere, acqua e temperature fino a -10°C e con sensore e processore di immagine sviluppati in casa da Fujifilm.

Fujifilm X-T2
Fujifilm X-T2

Fujifilm nell’evoluzione della sua proposta X-T2 sottolinea i miglioramenti per quanto riguarda l’autofocus (il numero di punti di messa a fuoco è stato notevolmente ampliato da 49 a 91 e ora il sistema sfrutta il nuovo algoritmo DSP su una superficie – Phase Detection Area – del 50 percento più ampia), ma soprattutto sono migliorati la messa a fuoco in live view e il mirino elettronico (2,36 milioni di pixel), in modo da agevolare e migliorare l’esperienza, anche per le mirrorless, nei casi di fotografia di soggetti in movimento, per esempio durante gli eventi sportivi.

Arriva inoltre la possibilità di registrare video in 4K, vera novità nell’ambito della serie X, riconosciuta lacuna della X-T1 che era troppo giovane per tirarsi a bordo l’altissima risoluzione, accompagnata dallo strumento di Simulazione Pellicola, – ora arricchita dalla modalità Acros in grado di offrire morbide gradazioni soprattutto nel bianco e nero – anche per i video, che già abbiamo imparato ad apprezzare nelle riprese fotografiche.

Fujifilm X-T2
Fujifilm X-T2

Fujifilm X-T2 si presenta con un mirino centrale – con rapporto di ingrandimento 0,77x – una posizione già conosciuta e apprezzata sul precedente modello, e ora è disponibile un’impugnatura opzionale per l’utilizzo della fotocamera con focali tele importanti. Il parco ottiche è costituito dai 22 obiettivi Fujinon, tutti ottimizzati per i sensori APS-C e con stabilizzazione dell’immagine integrata.

Il sensore APS-C di questa proposta è un Fujifilm X-Trans CMOS APS-C III (di terza generazione) da 24,3 MP, senza impiego di filtro ottico passa-basso, per meglio sfruttare la qualità ottica degli obiettivi proposti. Questo sensore a matrice di pixel casuale riduce l’effetto moiré e i falsi colori. L’eliminazione del filtro passa basso dovrà esaltare le caratteristiche delle ottiche Fujinon, senza perdita di risoluzione. Insieme al motore di elaborazione delle immagini ad elevata velocità X-Pro Processor.

Fujifilm X-T2
Fujifilm X-T2

La fotocamera, che in questi giorni analizzeremo e proveremo nel dettaglio sul campo, supporta Tether Shooting Plug-in for Adobe Photoshop e con la funzione Wireless Communication, grazie alla app dedicata, consente di trasferire foto e video al dispositivo con una semplice operazione “one-touch” così come il controllo da remoto.
Fujifilm X-T2 arriva a settembre 2016. Solo corpo costerà 1.729,99 euro, invece il kit con l’obiettivo XF18-55mm  2.039,99 euro.

Fujifilm X-T2

Image 1 of 13

Fujifilm X-T2 (01)

 

Fujifilm X-T2, specifiche interessanti di dettaglio:

  • Mirino elettronico Organic EL ad alta risoluzione, tempo di ritardo alla visualizzazione di soli 0,005 secondi.
  • Doppio slot per Card SD, sarà di supporto per garantirsi il backup del lavoro e grande capacità per le riprese 4K. I due slot possono essere impostati in modalità Sequenziale, Backup RAW/JPG per la registrazione di dati RAW nello slot 1 e dati JPEG nello slot 2, così come “Video Destination”.
  • Il mirino EVF ha una velocità di refresh di 60fps o di 100fps in modalità “Boost”
  • Disponibilità dell’impugnatura Vertical Power Booster Grip (VPB-XT2) come accessorio opzionale. È resistente alla polvere, impermeabile e in grado di funzionare con temperature fino a -10°C.
  • I selettori di velocità dell’otturatore e della sensibilità ISO sono dotati di un pulsante Lock & Release (blocca e sblocca).
  • Il pannello posteriore del corpo macchina presenta un Joystick di Messa a Fuoco che può essere spostato su/giù, destra/sinistra e in diagonale per rendere rapide le modifiche della messa a fuoco.
  • Il display posteriore è orientabile sull’asse verticale, orizzontale, uscendo da una sorta di telaietto metallico per assecondare qualsiasi tipo di inquadratura.
  • Migliore sensibilità significa che ISO12800 non sono più disponibili solo in modalità estesa come per X-T1.
  • Disponibilità di 25 ottiche Fujinon (novità).
  • Autonomia di 340 scatti senza powergrip, con powergrip fino a 1000.
  • Scatti fino a 11 fps.
  • Video Output 3840×2160 (100 Mbps) e Input 5120×2880 Pixel (1,17x crop). Nelle riprese 4K (max 30 fps) l’autonomia, sfruttando tutte e tre le batterie offerte da fotocamera e power grip, sarà di circa 30 minuti di girato.
  • Otturatore Meccanico da 4 sec. a 1/8000 sec. (Modalità P); Tutte le altre modalità da 30 sec. a 1/8000 sec.; Bulb (max 60 min.); Time 30 sec. a 1/8000 sec.; Otturatore Elettronico
    da 30 sec. a 1/32000 sec.(Modalità P/A/S/M); Bulb 1 sec. fisso; Time 30 sec. a 1/32000 sec
  • Peso di circa 507g (inclusa batteria e scheda di memoria) e di 457g (esclusa batteria e scheda di memoria).
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore