G. Nencini (Trend Micro): la sicurezza va cercata anche tra gli affetti

Mercato

Ritratti 4.0 – Gastone Nencini, country manager di Trend Micro Italia, si racconta in chiave privata e professionale. Al bando le stupidaggini, via a concretezza in ambito It. Passione che ha ereditato dai genitori che avevano un negozio di elettronica

Gastone Nencini è oggi country manager in Trend Micro Italia. In azienda sta da 19 anni, ama il mondo della sicurezza e della cucina. Non abbandonerebbe gli hobby della pesca, rigorosamente in mare, e la moto che condivide con il figlio e nemmeno la cucina. Uno spaccato di vita reale dentro la vita professionale dei grandi manager dell’It 4.0.

Chi è…Gastone Nencini?

Un patito di tecnologia venduto al business. Nato come tecnico con spiccata verve commerciale.

Qual è stato il suo percorso di studi?

Al terzo anno di ingegneria ho dovuto iniziare a lavorare e lasciare gli studi. Ho iniziato a prendere il lavoro sul serio e con passione, intraprendendo la carriera che mi ha portato dove sono oggi.

Che tipo di adolescente era?

Ero un adolescente tranquillo. Sono stato molto tempo negli scout con i quali ho imparato molte cose che ancora oggi mi ricordo e mi servono anche sul lavoro.

Come si è avvicinato al mondo dell’Ict?

Ci sono nato, nel senso che i miei genitori avevano un negozio che vendeva macchine calcolatrici, respiravo l’aria di tecnologia fin da piccolo e imparavo osservando sia i miei genitori sia il lavoro svolto dalle persone con cui lavoravano i miei.

Gastone Nencini
Gastone Nencini

A cosa deve il successo nel suo lavoro?

Al mio modo di essere e di lavorare e alla serietà che metto nel lavoro, oltre alla trasparenza con i clienti. Quest’anno festeggio 19 anni in Trend Micro e sono stanziale perché ogni giorno imparo cose nuove.

Crede che il lavoro delle  società del credito, oggi, soddisfi la fame di fondi da parte delle imprese It?

Secondo me non così tanto. Loro stesse investono poco in sicurezza e quindi non penso che vadano a finanziare progetti o investimenti in sicurezza per altri. In Trend Micro abbiamo creato una realtà con la quale andiamo a finanziare la sicurezza. Siamo noi che dobbiamo aiutare le startup nell’iot per fare prodotti sicuri e, visto l’andamento, dovrebbero investire un po’ di più anche le società del credito dando fiducia. In italia credo che il fenomeno del credito sia importante ma frazionato: aree di eccellenza e altre sottosviluppate, in queste dovrebbero agire.

Qual è il suo rapporto con la tecnologia?

Mi piace il sapere, qualsiasi cosa mi interessa, devo approfondire, e non solo Ict, ma tutte le sfumature della vita.

Qual è l’oggetto più tecnologicamente avanzato che ha in casa sua?

Sono un grande fruitore di smart tv e cerco di capirne il funzionamento e l’interazione. Sto anche pensando alla domotica.

Gastone Nencini
Gastone Nencini

Quanto tempo passa davanti alle mail sul cellulare, la mattina appena sveglio o la sera prima di coricarsi?

Mi impongo, da qualche anno a questa parte, di non guardare le mail di lavoro quando entro in casa, a volte capita, ma se possibile cerco di evitare. Nel mio tempo libero cerco di prendere il mio tempo, perchè sono convinto che una mente rilassata dia il massimo su tutti i fronti.

Cosa ne pensa del rapporto IoT e sicurezza?

Grossa sfida, noi ci stiamo investendo, è il mercato del futuro e di sviluppo e sfida per creare. Spesso la sicurezza arriva dopo, quando si scoprono falle ma vogliamo investire in startup e collaborare con loro.

Se le dico cloud, cosa le viene in mente?

Il cloud era stata una grossa azione di marketing, una volta avevamo l’housing, l’hosting oggi è molto più flessibile e in termini di sicurezza non ci sono problemi in termini di sicurezza anzi, penso che il cloud dia un livello di sicurezza maggiore perchè chi vi ha investito, come per esempio Amazon, Google, vi hanno messo grandi somme di denaro che giustificano un certo grado di attenzione sia al profilo sicurezza fisica, sia tecnologica. 

Intelligenza artificiale: evoluzione o involuzione? Cosa si aspetta nel futuro?

Scalpore nel periodo, con evoluzione in quello che lo scorso anno erano i big data, analisi tramite algoritmi matematici: una intelligenza artificiale deve avere alle spalle un big data importante. Ma attenzione, perché queste cose vanno implementate e non vorrei che il vecchio sistema possa essere essere cancellato. Quindi, evolviamo ma non dimentichiamoci il passato.

Quali sono i suoi hobby?

Pesca in mare e moto. In entrambi i casi ho coinvolto mio figlio, per recuperare il tempo perduto con lui.

Qual è il pregio che ammira di più nelle persone e quale è il difetto che proprio non le va giù?

La trasparenza e la franchezza , per quanto riguarda il pregio. Come difetto direi l’esatto contrario. Poi non mi piacciono coloro i quali dicono stupidaggini o che si “nascondono dietro a un dito”.

Direbbe grazie a…e perché?

Ai miei genitori. A mio padre che è stato un padre abbastanza duro ma giusto, mi ha insegnato tanto, anche se a volte eravamo in disaccordo. Poi direi grazie a due persone che non ci sono più: il primo country manager che mi ha voluto in Trend Micro e Raimund Genes che era il global cto di Trend Micro: con cui avevo un ottimo rapporto insegnandomi molto sul tema della sicurezza.

A chi chiederebbe scusa e perché?

A mio padre perché oggi posso affermare che aveva ragione e diceva cose giuste e a mia moglie sono 33 anni che lavoro, mi ha sempre sostenuto, nonostante fossi sempre in giro per lavoro, e ha cresciuto nostro figlio.

Gastone Nencini
Gastone Nencini

Se fosse un piatto che piatto sarebbe?

Bistecca fiorentina.

Se fosse un quadro?

Un quadro di Botero.

Se fosse un film?

Un film con Bud Spencer e Terence Hill intitolato:  “Anche gli angeli mangiano i fagioli”.

Se fosse una stagione?

Primavera, dove esplodono i colori e cambiano le luci.

Se fosse una tecnologia?

Un robot.

Se non facesse il lavoro che fa, che lavoro farebbe?

Potrei essere un buon ristoratore o un buon oste: lo chef che sperimenta nuovi piatti, abbinamenti e sapori.

Se avesse una bacchetta magica…

Farei sparire l’ipocrisia.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore