Gartner, gli smartphone salvano il settore della telefonia mobile

News

Secondo Gartner, nel primo trimestre 2012, Samsung Electronics con 86,6 milioni di telefonini venduti, ha raggiunto una quota di mercato globale del 20,7% mentre Nokia, con 83,2 milioni di unità, è seconda con il 19,8%

Il settore dei cellulari, nel complesso, cala del 2%, ma gli smartphone continuano a trascinare il settore della telefonia mobile globale registrando un 45% in più.

In questo contesto, secondo TMNews, Samsung Electronics ha strappato a Nokia il primato mondiale nella vendita di cellulari nel primo trimestre di quest’anno. Secondo i dati Gartner, la compagnia sudcoreana, con 86,6 milioni di telefonini venduti, ha raggiunto una quota di mercato globale del 20,7% mentre quella finlandese, con 83,2 milioni di unità, è seconda con il 19,8%.

Un anno fa le percentuali erano rispettivamente del 16,1 e del 25,1%. La casa coreana, inoltre, supera anche Apple nel comparto smartphone, con vendite pari a 38 milioni di unità, anche se le vendite di iPhone crescono del 96,2% grazie soprattutto al successo di iPhone 4S. In particolare, l’ultimo smartphone di casa Apple ha venduto oltre 5 milioni di unità in Cina, rendendo così il paese il secondo mercato più importante per il colosso di Cupertino dopo gli Stati Uniti.

Gli smartphone con sistema operativo Android possono contare su 81,067 milioni di unità vendute nel primo trimestre, pari a una quota di mercato del 56,1 per cento, con una crescita del 36,4 per cento rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Gli smartphone aventi iOS, invece, sono 33,12 milioni, con una quota di mercato del 22,9% e in crescita del 16,9.

I risultati di Samsung sono dovuti anche alla percentuale di smartphone Android appartenenti all’azienda sudcoreana rispetto agli altri costruttori: di tutte le vendite di dispositivi Android nel primo trimestre 2012, più del 40% è stato realizzato da Samsung.

Sai davvero usare il tuo smartphone?

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore