Gfk e PayPal promuovono l’Italia sul mobile commerce

Strategie
Giulio Montemagno, PayPal

Secondo una ricerca commissionata da PayPal a Gfk Eurisko, il 30 % degli intervistati possiede uno smartphone e il 45%, fra i possessori di smartphone dai 18 ai 64 anni, dichiara di non poter fare a meno del proprio cellulare, anche per una sola giornata

Secondo Gfk e PayPal l’Italia è pronta ad affrontare il mobile commerce.

Secondo una ricerca commissionata da PayPal a Gfk Eurisko, il 30 % degli intervistati possiede uno smartphonee il 45%, fra i possessori di smartphone dai 18 ai 64 anni, dichiara di non poter fare a meno del proprio cellulare, anche per una sola giornata.

Giulio Montemagno, PayPal
Giulio Montemagno 

Sette italiani su 10 tra i possessori di cellulare sono a conoscenza della possibilità di fare acquisti mobile. In primo luogo, il 30% degli intervistati, infatti, possiede uno smartphone. Inoltre il 45% dei possessori di smartphone dichiara di non poterne fare a meno, anche per una sola giornata. Lo smartphone accompagna l’utente sempre e ovunque e sta cambiando il suo comportamento come anche il modo di fare acquisti.

“Dai dati della ricerca emerge – afferma Rosanna Savoldelli di GfK Euriskoche il terreno in Italia sembra essere favorevole alla progressiva diffusione degli acquisti via mobile. Il bisogno di essere sempre online e connessi ha reso questo strumento sempre più alleato e indispensabile”.

Anche l’analisi della penetrazione e della frequenza di collegamento a internet conferma in maniera molto chiara l’esigenza dei consumatori di essere sempre “connessi”: fra i possessori di cellulare intervistati, infatti, sette su 10 hanno utilizzato la rete negli ultimi 3 mesi, mentre quasi quattro su 10 lo hanno fatto tutti i giorni (37%).  In questo scenario la consapevolezza della possibilità di acquistare via mobile è diffusa nella popolazione italiana user di cellulare: circa 67% dei possessori di cellulare  (circa sette su 10 dai 18 ai 64 anni) sono a conoscenza della possibilità di fare acquisti mobile. Quota che fra i possessori di smartphone sale quasi all’80% (79%).

Nell’analizzare la propensione futura a effettuare acquisti online tramite mobile, la survey  evidenzia che circa 2 italiani su 10 sono propensi ad effettuare acquisti tramite mobile in futuro (18%), quota che sale a un terzo degli intervistati tra i possessori di smartphone dai 18 ai 64 (34%).
L’m-commerce rappresenta pertanto una nuova opportunità di acquisto per i consumatori che dispongono di una sorta di “negozio tascabile”.

In questo contesto, i dispositivi mobili offrono dunque un’ulteriore possibilità per gli utenti di navigare in rete quando sono in movimento o non hanno a disposizione un computer – sul treno, al supermercato, aspettando un amico.

In questo contesto favorevole al m-commerce, diventa importante per i “venditori professionali” italiani ottimizzare il proprio sito all’acquisto via mobile per rispondere alla crescente domanda degli utenti.
PayPal e i suoi partner propongono soluzioni semplici, affidabili e innovative per ottimizzare i siti e-commerce allo shopping mobile. “PayPal crede che il mobile commerce rappresenti una delle trasformazioni più significative nel settore della distribuzione commerciale – ha dichiarato Giulio Montemagno, General Manager Western Europe di PayPal Emeaed è impegnata a favorire questo cambiamento: solo così si permette ai consumatori di comprare con tranquillità. I sistemi di pagamento via mobile PayPal  – ha continuato Montemagno – stanno guidando e cambiando il modo in cui le persone pagano. Quest’anno, infatti, PayPal prevede di gestire, a livello globale, un volume di pagamenti pari a 10 miliardi di dollari  – una cifra superiore del 150% rispetto all’anno scorso. Anche in Italia registriamo una forte e costante crescita nel volume di transazioni via mobile e il 28% dei venditori professionali PayPal italiani hanno già ricevuto pagamenti mobile nel 2012 grazie a PayPal. Nel nostro paese complessivamente abbiamo raggiunto il traguardo di 7 milioni di conti”.

Quando si trovano a dover fare un confronto tra gli acquisti da pc e quelli dal cellulare, circa sette intervistati su 10 ritengono che i due device siano sicuri allo stesso modo.

PayPal ha sempre puntato sul tema della affidabilità associata alla semplicità e sostiene l’approccio del “digital wallet che si basa sulla sicurezza propria del Cloud: le informazioni finanziarie dell’utente risiedono “nella nuvola” e non sul suo telefono. Gli utenti possono accedere al proprio “portafoglio” in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo senza dipendere dal dispositivo che stanno utilizzando, e senza preoccuparsi quando cambiano dispositivo o fanno aggiornamenti.

Tutte le informazioni finanziarie sensibili vengono memorizzate in modo sicuro su Cloud, non sul dispositivo. Il rischio di compromettere informazioni finanziarie è drasticamente ridotto e l’utente è in grado di avere ancora tutte le funzionalità e la flessibilità per poter effettuare pagamenti mobile. Naturalmente, come prima linea di difesa, PayPal raccomanda sempre e comunque agli utenti di proteggere il proprio mobile con un codice PIN.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore